Recensioni

Tuesday, 12 June 2018 09:09

La stanza delle meraviglie - Wonderstruck, recensione film di Todd Haynes: una pellicola meravigliosa ambientato negli anni'30 e anni'70 Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Abbiamo visto in anteprima al Festival di Locarno 2017, Fuori Concorso, il nuovo film di Todd Haynes, La stanza delle meraviglie - Wonderstruck: ecco la recensione di Cinetvlandia.

Il cineasta americano, apprezzato per i suoi film di stampo musicale come Io non sono qui e Velvet Goldmine, oltre allo strepitoso Lontano dal paradiso, si cimenta per la prima volta in un genere a lui poco noto, ovvero il teenager movie di stampo fiabesco fantastico. Fonte d'ispirazione è l'omonimo libro illustrato di Brian Selznick - già autore di La straordinaria invenzione di Hugo Cabret che divenne un film diretto da Martin Scorsese - uscito pochi anni fa in libreria ed edito in Italia da Mondadori con il titolo La stanza delle meraviglie. Todd Haynes intraprende un percorso molto rischioso, ma supera ogni cliché e trappola regalando allo spettatore un film semplicemente delizioso e nostalgico con una regia incalzante da veterano del genere e gestisce un cast perfettamente amalgamato.  

La pellicola narra di due storie che si sviluppano in parallelo e ambientate in epoche diverse: la prima ambientata nel 1927, vede la piccola sordomuta Rose (Millicent Simmonds) che parte da sola verso New York alla ricerca della sua attrice preferita (Julianne Moore); la seconda si svolge cinquant'anni dopo con protagonista il giovane Ben (Oakes Fegley), muto, che intraprende un viaggio dal Minesota a New York per incontrare il padre che non ha mai conosciuto e di cui ha sentito sempre parlare un gran bene. Due destini diversi che viaggiano in parallelo, con un montaggio alternato che mantiene il ritmo per vivere una favola amara e dalle tinte drammatiche e fantastiche che non si vedeva da tempo. I due protagonisti avranno però un punto in comune nel loro viaggio, una stanza delle meraviglie presente in un museo di scienze naturali, dal quale ne è scaturito un libro negli anni'20, Wonderstuck appunto, che servirà a loro come punto di svolta.

La stanza delle meraviglie - Wonderstuck, oltre ad essere stato presentato alla 70°edizione del Festival di Locarno 2017, era anche in concorso all'ultimo Festival di Cannes per la Palma d'oro segno che Todd Hayes è riuscito a realizzare un film di intrattenimento e dal gusto artistico di un vero autore. In entrambi i periodi storici in cui il cineasta sviluppa le storie, si percepisce una grande cura dei particolare e la capacità di gestire il sapore vintage degli anni'70 con quello retro in bianco e nero degli anni'20, al punto da rendere i due percorsi esteticamente affascinanti e coinvolgenti. Nell'adattare al grande schermo il romanzo illustrato di Selznick, Todd Haynes si affida ad una sceneggiatura solida scritta dallo stesso autore del libro e semina con grande delizia e cura elementi che poi nel finale avranno un loro senso e significato. Ottimo è il cast composto, oltre che dalla Moore, anche da attori come Oakes Fegley, Michelle Williams e Millicent Simmonds che regalano una prestazione degna di nota e riescono a essere commoventi e coinvolgenti, nonostante i propri personaggi abbiano limiti di comunicazione.

La stanza delle meraviglie - Wonderstruck è un film da non perdere che unisce in maniera equilibrata lo stile cinematografico muto degli anni'20 con quello più d'atmosfera e musicale degli anni'70. Una favola da gustare al cinema. 

Read 1006 times Last modified on Tuesday, 12 June 2018 09:10

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Mathera - L'ascolto dei sassi, podcast recensione del documentario sulla Capitale Europea della Cultura 2019
  • Il mio capolavoro, recensione della commedia di Andres Duprat con Guillermo Francella e Luis Brandoni
  • Maria Regina di Scozia, recensione del dramma storico con Saoirse Ronan e Margot Robbie
  • Voglio mangiare il tuo pancreas, podcast recensione dell'anime in arrivo al cinema

Esce questa settimana al cinema, solo per tre giorni di programmazione, il documentario Mathera - L'ascolto dei sassi, terzo appuntamento della stagione de L'arte al cinema distribuito da Magnitudo Film con Chili: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito il podcast recensione.

Read More

Esce questa settimana al cinema Il mio capolavoro, commedia di Andres Duprat con Guillermo Francella, Luis Brandoni, Raúl Arévalo, Andrea Frigerio e María Soldi: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito la recensione.

Read More

Esce questa settimana al cinema il film storico in costume, Maria Regina di Scozia con Saoirse Ronan e Margot Robbie: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito la recensione.

Read More

Dopo il successo di Penguin Highway di Hiroyasu Ishida, arriverà nei cinema italiani a gennaio il terzo appuntamento della Stagione degli Anime al Cinema, Voglio mangiare il tuo pancreas: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito la recensione.

Read More