Recensioni

Sunday, 01 May 2016 10:45

Wilde Salomè, recensione: Al Pacino alla scoperta di Oscar Wilde

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Dal Festival di Venezia 2011 arriva sugli schermi italiani l'opera di Al Pacino ispirata alla Salomè di Oscar Wilde. Nel cast una intensa e sorprendente Jessica Chastain. Ecco la recensione di Wilde Salomè.

Cinetvlandia è anche su Facebook e Twitter

È la storia di un'ossessione e di un'ispirazione. E quando un autore si trova schiacciato tra questi due sentimenti così potenti non può non arrivare a produrre qualcosa. Al Pacino nel 2011, anno in cui il film venne presentato al Festival di Venezia, probabilmente si sentiva umanamente e sentimentalmente vicino alla storia di Oscar Wilde, un uomo che quando scrisse la tragedia della giovane Salomè era nel pieno della consapevolezza di una trasformazione: Wilde stava accettando la propria omosessualità e da lì a poco avrebbe liberato il suo amore per l'ingrato Bosie. La trasformazione di Pacino non ha risvolti sessuali, ma artistici: raggiunto l'apice della carriera da tempo, l'attore sente la necessità di sperimentare le varie forme d'arte, confrontandosi con esse e spostando sempre un po' più avanti il confine dell'orizzonte.  Così la sua versione di Salomè (un'opera diversa da tutte le altre scritte da Oscar Wilde) diventa il modo per esplorare sentieri nuovi e per permettere alle tante anime che lo abitano di potersi esprimere. Wilde Salomè è un'opera teatrale - una lettura recitata, in realtà - messa in scena per pochi giorni a Los Angeles, la cui costruzione è diventata film, ma anche il pretesto per Pacino di andare alla ricerca delle radici dell'autore irlandese. Il risultato è un gioco intellettuale metartistico in cui cinema, teatro, testo, storia e vita reale si fondono in un unico corpo. I tempi lunghi della creazione artistica si devono conciliare con quelli più stretti della produzione e quelli della regia devono essere incastrati in quelli della recitazione, finendo per confondere spettatori e regista stesso. A tenere unite le tante anime confuse il testo poderoso di Oscar Wilde in cui sesso, ossessione e religione si incontrano in un drammatico quadro surrealista. Wilde Salomè di Al Pacino è un film volutamente imperfetto, in quanto frutto di un'interpretazione personalissima, ma con il pregio di aver saputo esaltare le capacità interpretative di Jessica Chastain, un'attrice troppo spesso utilizzata in ruoli marginali e risibili.

Read 1089 times Last modified on Sunday, 01 May 2016 11:27

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Scary stories to tell in the dark, podcast recensione del horror prodotto da Guillermo Del Toro
  • Finché morte non ci separi, podcast recensione del horror commedia in arrivo al cinema
  • I morti non muoiono, video recensione blu-ray e contenuti speciali
  • Metallica & San Francisco Symphony S&M2, video recensione del film concerto

Scary stories to tell in the dark è il nuovo film di André Øvredal, prodotto da Guillermo Del Toro, presentato alla Festa del cinema di Roma 2019 e in arrivo al cinema: podcast recensione del film in anteprima.

Read More

Arriverà questa settimana al cinema l'horror commedia Finché morte non ci separi diretto da Matt Bettinelli-Olpin e Tyler Gillett: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito il podcast recensione sul film.

Read More

E' appena uscito in home video l'ultimo film di Jim Jarmusch, I Morti non muoiono con protagonisti Adam Driver, Bill Murray, Tilda Swinton, Chloë Sevigny e Steve Buscemi: ecco qui di seguito la nostra video recensione sul film e gli extra presenti nel blu-ray.

Read More

In occasione del 20°anniversario dell’uscita del leggendario album live del 1999 “S&M”, arriverà ad ottobre al cinema, solo per un giorno, il film concerto Metallica & San Francisco Symphony S&M2: Cinetvlandia l'ha visot in anteprima e vi propone qui di seguito la recensione.

Read More