Recensioni

Tuesday, 27 March 2018 10:51

Tonya, recensione biopic con Margot Robbie Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Esce questa settimana al cinema la Biopic Tonya con Margot Robbie: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito la recensione.

La storia di Tonya Harding, prima pattinatrice americana a distinguersi durante i campionati nazionali statunitensi del 1991, per l'esecuzione perfetta di un triplo axel e, successivamente, coinvolta in uno dei più grandi scandali sportivi nella storia degli Stati Uniti, era già tuta scritta dalla vita e sembra strano che nessuno abbia pensato fino ad oggi di ricavarne un film. Lo ha fatto l’australiano Craig Gillespie (Lars e una ragazza tutta sua) raccontando la storia, ma anche le bugie, di una vicenda che come spesso accade, ha tanti punti di vista. Quello che noi conosciamo è lo stesso di Tonya che, volto dritto e fiero alla cinepresa, ci racconta la sua versione che, come lei stessa ammette, potrebbe non essere proprio quello che realmente accadde. Tonya viene cresciuta da una madre senza scrupoli (Allison Janney, premio Oscar per la miglior interpretazione non protagonista) che sin da piccola investe tutte le energie per costruire una futura campionessa di pattinaggio. E Tonya ci riesce. Anno dopo anno miete un successo dopo l’altro, disegnando parabole assurde e al limite del possibile, perché Tonya è tutto quello che non ti aspetti da una pattinatrice: sfacciata, energica, rozza ma grandissima atleta.

Quella che la distingue è la rabbia, la ferocia per la conquista di una vittoria che la madre le ha inculcato fin dalle prime scivolate sul ghiaccio. Una rabbia che viene alimentata dalla vita privata. Giovanissima la ragazza si sposa con Jeff Gillooly, un inetto balordo e violento, che di fatto la porterà alla rovina (almeno a quanto racconta lei). Anni dopo sarà infatti Gillooly, che nel frattempo è diventato ex marito, a organizzare l'aggressione della rivale di Tonya, Nancy Kerrigan. Colpita alle gambe da uno sconosciuto dopo gli allenamenti, la Kerrigan è costretta a ritirarsi dai campionati nazionali e lasciare spazio alla Harding. Ma per poco.

E’ un buon film Tonya perché riesce a essere allo stesso tempo cronaca e finzione, realizzando un racconto capace di prendere il meglio dalle due scritture. Margot Robbie ci mette tutta l’energia che possiede per interpretare un’atleta controversa, andando a pescare negli angoli oscuri delle sue capacità recitative, gli stessi che avevamo apprezzato in Suicide Squad. Allison Janney si merita il premio andando a lavorare anche sul fisico ma tutto il cast è perfettamente funzionale a una storia che, come dicevamo, aspettava solo di essere raccontata.

Read 959 times Last modified on Tuesday, 27 March 2018 10:59

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Batman Return of the caped crusaders video recensione del film d'animazione
  • Rosemary's baby (1968) di Roman Polanski, video recensione

Abbiamo visto il film d'animazione Batman Return of the caped crusaders, ispirato alla celebre serie TV Batman del 1966: ecco qui di seguito la video recensione sul film. 

Read More

Nel 1968 uscì nei cinema di tutto il mondo un capolavoro che cambiò le regole del cinema, Rosamary's baby di Roman Polanski: in occasione di un uscite in home video, Cinetvlandia ha rivisto il film in blu-ray, ecco qui di seguito la video recensione.

Read More