Recensioni

Thursday, 15 December 2016 09:00

Star Wars Rogue One, recensione: Gareth Edwards dirige un film di guerra inaspettato Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Abbiamo visto ieri sera in anteprima il primo spin-off della saga Guerre Stellari, Star Wars Rogue One: ecco qui di seguito la recensione di Cinetvlandia.

Come la storia del cinema insegna Guerre Stellari è stato il franchise pioniere per antonomasia che ha mostrato al mondo un modo diverso di fare un film e renderlo molto redditizio. Quindi qualunque cosa ad esso collegato assume un peso particolare e un attesa che non ha pari. Il regista Gareth Edwards fa qualcosa che era lecito non aspettarsi e compie una sorta di rivoluzione all'interno del "sistema", ovvero cambia pelle e mood al franchise medesimo. Tale cambiamento si ha fin dalle prime battute, dai primi istanti del film e prosegue per tutto lo sviluppo della narrazione. Secondo questa logica il regista ti sta dicendo che il suo spin-off è un'altra cosa rispetto al franchise, si basa su regole e dinamiche diverse e vuole avere una propria autonomia e originalità. Andando nello specifico, senza fare spoiler e rovinare sorprese, la pellicola ci racconta come un alquanto sgangherato e atipico gruppo di ribelli entra in possesso dei piani della celebre Morte Nera, la terribile arma creata dall'Impero per distruggere i pianeti. L'opera fantascientifica è strutturata in due parti molto nette: la prima di preparazione, ci racconta in maniera molto lineare e semplice le origini della protagonista Jyn Ersco (ben interpretata da Felicity Jones) e del suo legame con l'Impero, mentre la seconda decisamente più dinamica e coinvolgente è di guerra di trincea e ci mostra come i ribelli hanno recuperato i piani, fino a giungere così al collegamento con il primo mitologico Guerre Stellari. All'interno di questa struttura, c'è anche una faida tra due generali dell'impero che lottano tra di loro per garantirsi la paternità dell'arma di distruzione di massa e quindi risultare il migliore agli occhi di Darth Vader e dell'Imperatore.

Star Wars Rogue One è un film a suo modo originale e coerente che propone una nuova avventura fantascientifica dell'universo Guerre Stellari, senza però volersi legare a icone, dinamiche e soprattutto personaggi noti del franchise. Il risultato è discreto, si lascia guardare con gusto anche se non è epico e avvincente come la prima trilogia creata da George Lucas. Tra le note positive ci sono sicuramente il cast principale, formato da un gruppo di anti-eroi per eccellenza, gente comune e alquanto improbabile, mossa da una forza di volontà atipica, disposta in modo umile anche al sacrificio per la causa. Come detto sopra i legami con il franchise e gli ammiccamenti sono veramente pochi e ciò è un bene per come il regista aveva pensato al film. E' uno spin-off autonomo e originale che preferisce costruire un suo piccolo universo, e prendersene tutti i rischi, piuttosto che andare a parare su elementi noti. Strano è il fatto che l'elemento jedi è praticamente assente, ma è giustificato dal fatto che la narrazione è incentrata solo ed esclusivamente sul gruppo dei ribelli. L'icona Vader si vede ma in modo marginale, introdotto con una scena meravigliosa tende poi a spegnersi progressivamente, fino a giungere ad un gran finale in suo nome dove mostra tutta la sua perfidia e violenza. La sceneggiatura è abbastanza semplice e convenzionale, i dialoghi sono a volte un po' banali e detti in maniera poco convincenti ma nel complesso sa dare al film una struttura di massima, senza però esagerare. Anche gli effetti speciali sono notevoli e molto realistici, soprattutto quelli realizzati per i test di distruzione della Morte Nera. Il film ha un buon ritmo, soprattutto nella seconda parte, mentre la prima è un po' macchinosa e fa fatica a decollare, proprio perchè si basa su elementi e argomenti poco noti. Ciò che non funziona proprio è la colonna sonora e gli arrangiamenti dei temi musicali noti, usati poco e male e non aiutano a spingere il coinvolgimento emotivo dello spettatore, anzi vien da dire che sono proprio sprecati dall'inizio alla fine.

Nel complesso possiamo dire che Gareth Edwards è riuscito a creare una piacevole avventura fantascientifica all'interno della saga Star Wars, con coraggio, tanto, ha realizzato un film autonomo che spiazza e non ci si aspetta ma che ha il gusto dell'avventura in una galassia lontana lontana e meno nota.

 

Read 1139 times Last modified on Thursday, 15 December 2016 10:08

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Serenity - L'isola dell'inganno, podcast recensione del nuovo film con Matthew McConaughey e Anne Hathaway
  • Domino, podcast recensione del nuovo film di De Palma con Nicolaj Coster-Waldau
  • Spider-Man Far from home, podcast recensione del cinecomics con Tom Holland
  • Toy Story 4 podcast recensione del film d'animazione Disney Pixar

Esce questa settimana al cinema Serenity - L'isola dell'inganno, nuovo film di Steven Knight con Matthew McConaughey, Anne Hathaway, Jason Clarke, Diane Lane: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito il podcast recensione.

Read More

Domino è il nuovo film di Brian De Palma da poco uscito al cinema: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito il podcast recensione.

Read More

Arriva questa settimana il nuovo film interamente dedicato all'Uomo Ragno, Spider-Man far from home con Tom Holland: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito il podcast recensione sulla pellicola.

Read More

A distanza di più di vent'anni dalla realizzazione da parte dei Pixar Animation Studios di Toy Story - Il mondo dei giocattoli, il primo lungometraggio al mondo animato al computer, i protagonisti dell'indimenticabile film Disney Pixar ritorneranno con Toy Story 4: ecco qui di seguito il nostro podcast recensione sul film d'animazione

Read More