Recensioni

Friday, 24 July 2020 12:42

Rubrica "Raiders of the lost film": Interceptor (Mad Max) opera prima di George Miller con Mel Gibson Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Per la rubrica "Raiders of the lost film" parliamo di un film che ha fatto scuola e ha contaminato la cultura pop, Interceptor film fantascientifico distopico opera prima di George Miller con protagonista Mel Gibson: ecco qui di seguito il nostro podcast sulla pellicola che ha dato origine alla saga Mad Max.

 

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

 

Interceptor è un film del 1979 scritto e diretto da George Miller. La vicenda si svolge in un futuro prossimo ma indefinito, in un’Australia desolata e impoverita. A causa di una grave crisi energetica il carburante è diventato merce preziosa. L’entroterra desertico è popolato da piccole comunità pacifiche, costantemente minacciate da violente bande di motociclisti. Le strade sono diventate il teatro dello scontro tra squadriglie di criminali psicopatici e la Main Force Patrol, la polizia federale autostradale, composta da un ristretto numero di agenti esperti nell’uso delle armi. Tra loro c’è Max Rockatansky (Mel Gibson), soprannominato “Mad Max”, il guidatore più abile della MFP. Durante uno dei tanti inseguimenti, Max uccide Nightrider, il folle capo di una banda di teppisti, reo di aver ucciso un poliziotto e rubato una V8 Interceptor, la macchina più potente della polizia. La banda di Nightrider, guidata dallo spietato Toecutter (Hugh Keays-Byrne) e da Bubba Zanetti, giunge in città per vendicare il compagno caduto, spargendo terrore e distruzione. Max e il suo collega Jim “Goose” Rains (Steve Bisley) catturano Johnny “the Boy” Boyle, il giovane protetto di Toecutter. A causa dell’assenza di testimoni e di un sistema giudiziario ormai inefficace, Johnny viene subito rimesso in libertà. La rappresaglia della gang di Toecutter non tarda ad arrivare e colpisce con sadica violenza Goose, che viene bruciato vivo nella sua auto. Sconvolto dall’accaduto, avendo perso fiducia nella giustizia, Max si dimette dalla MFP e si allontana con la moglie Jessie e il figlio Sprog. La banda di Toecutter riesce a individuare la remota fattoria dove Max alloggia con la sua famiglia e, approfittando di una sua breve assenza, li raggiunge, uccidendone brutalmente moglie e figlio. A questo punto la vendetta diventa l’unica ragione di vita di Max. Indossata nuovamente la divisa da agente della MFP, Max parte a bordo di una potentissima V8 Interceptor alla ricerca di Toecutter e della sua gang con l’unico scopo di sterminarli. 

 

 

Read 110 times Last modified on Friday, 24 July 2020 12:55

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Locarno Film Festival 2020: Stranger than paradise di Jim Jarmusch, recensione
  • Locarno Film Festival 2020: First Cow Recensione
  • Locarno Film Festival 2020: In nome del popolo italiano, podcast recensione della commedia di Risi con Gassman e Tognazzi
  • Locarno Film Festival 2020: Made in Bangladesh podcast recensione

E' stato proiettato al Locarno Film Festival 2020 il film di Jim Jarmusch, Stranger than paradise con John Lurie, Eszter Balint, Richard Edson: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui i seguito la recensione.

Read More

Il film d'apertura della 73°edizione del Locarno Film Festival 2020 è stato First Cow di Kelly Reichardt con John Magaro, Orion Lee, Toby Jones: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito la recensione.

Read More

Al Locarno film festival 2020 è stato proiettato, nella sezione speciale "secret screening, il capolavoro di Dino Risi del 1971 In nome del popolo italiano con protagonisti Vittorio Gassman e Ugo Tognazzi: ecco qui di seguito il nostro podcast recensione sul film che mostra anche oggi di essere molto attuale.

Read More

E' stato presentato al Locarno Film Festival 2020 il film Made in Bangladesh diretto da Rubaiyat Hossain: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito il podcast recensione. 

Read More