Recensioni

Wednesday, 12 February 2020 07:10

Lucca Comics & Games 2019: Cercando Valentina, recensione del documentario sul mondo del disegnatore Guido Crepax

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Al Lucca Comics & Games 2019, abbiamo visto in anteprima il documentario Cercando Valentina, film diretto da Giancarlo Soldi interamente dedicato al mondo immaginario e dei fumetti creato da Guido Crepax: ecco qui di seguito la recensione della sorprendente pellicola in arrivo questa settimana al cinema.

Quando intraprendi un viaggio per cercare qualcuno o qualcosa non è detto che la trovi, ma alla fine poco t’importa perché è il viaggio stesso la fine di tutto. Giancarlo Soldi (Diabolik sono io) parte alla ricerca di Valentina, il personaggio creato da Guido Crepax a metà degli anni Sessanta, e sul suo cammino incontra un mondo (il mondo che viveva intorno a Valentina) che forse avevamo dimenticato. Una realtà che ha segnato un’epoca, che ci ha fatti diventare quelli che siamo oggi e che ci ha lasciato un’eredità - di storia e di energia creativa - da difendere e trasmettere.

Era la Milano degli anni Sessanta il mondo di Valentina. Una Milano che viveva, pulsava, odiava e combatteva per il presente e il futuro. Crepax, chiuso nel suo studio di via De Amicis, come un moderno Salgari, la inalava e poi la riproduceva nelle tavole pubblicate da Linus. Valentina non arriva subito. Prima c’è Rembrant, una specie di Superman intellettuale, e Valentina è “solo” la sua fidanzata. Bastano poche avventure e il piano è presto ribaltato: Valentina prende la scena e a Rembrant rimane lo sfondo. Valentina è la nuova donna che si sta affermando in quegli anni: emancipata, lavoratrice, libera. Di una libertà assoluta, da vivere con la mente e il corpo. Perché Valentina è questo: mente e corpo.

È un bel documentario Cercando Valentina perché grazie a un personaggio iconico riesce a raccontare tante storie, non ultima una storia d’amore, perché sempre lì si fa a finire, in una storia d’amore. L’amore per un’epoca, per un mondo ancora tutto da scoprire, per i diritti da guadagnare e per la libertà da difendere. Ma anche l’amore per il fumetto e per un giornale - Linus - che è stato deflagrante per la mente di tanti giovani dell’epoca, aprendola verso orizzonti inimmaginabili. E non ultimo per Crepax: un vero rivoluzionario del fumetto, capace di anticipare stili e modelli narrativi. Un creativo vero che lasciava spaziare la mente sulla carta, senza mai farsi imbrigliare dai limiti della vignetta o delle convenzioni.

Read 853 times Last modified on Wednesday, 12 February 2020 08:33

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Locarno Film Festival 2020: First Cow Recensione
  • Speciale Locarno Film Festival 2020: la kermesse riparte in forma ibrida, First Cow podcast Recensione
  • Rubrica "Raiders of the lost film": L'imbalsamatore (2002) di Matteo Garrone con Ernesto Mahieux

Il film d'apertura della 73°edizione del Locarno Film Festival 2020 è stato First Cow di Kelly Reichardt con John Magaro, Orion Lee, Toby Jones: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito la recensione.

Read More

Si è aperto ieri, mercoledì 5 agosto, la nuova edizione del Locarno Film Festival 2020 che si svolgerà fino al 15 del mese in forma ibrida, in parte via streaming in parte nel capoluogo svizzero: ecco un nostro primo speciale podcast su come si sta svolgendo la kermesse e la recensione del film d'apertura, First Cow di  Kelly Reichardt.

Read More

Per la rubrica "Raiders of the lost film" parliamo de L'imbalsamatore, film del 2002 diretto da Matteo Garrone con Ernesto Mahieux, Valerio Foglia Manzillo e Elisabetta Rocchetti. Il film è tratto da un fatto di cronaca nera realmente accaduto: ecco qui sotto il podcast sul film.

Read More