Recensioni

Tuesday, 24 April 2018 17:16

Loro 1, recensione biopic di Sorrentino su Berlusconi con due incredibili Toni Servillo e Riccardo Scamarcio

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Esce oggi al cinema Loro 1 (podcast recensione), prima parte della biopic di Paolo Sorrentino su Silvio Berlusconi con le incredibili interpretazioni di Toni Servillo e Riccardo Scamarcio: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito la recensione.

Si intitolava Storia di un italiano, andava in onda su Rai 2 la domenica sera e raccontava la storia del nostro paese attraverso i film e le maschere di Alberto Sordi. Lo ha fatto per anni, dal 1979 al 1985, poi è cambiata l’Italia, il narratore e l’italiano da raccontare. L’Italia è cominciata a cambiare in quegli anni e il risultato che vediamo oggi inevitabilmente deve voltare lo sguardo a quel passato. Si intitolava Una storia italiana e arrivò nelle buche delle poste un giorno del 2001 insieme ai volantini pubblicitari di un supermercato e alla bolletta della luce. Era il fotoromanzo di Silvio Berlusconi, “il primo uomo di potere a essere un mistero avvicinabile”, per dirla con le parole di Paolo Sorrentino. Un tempo si parlava di disincarnazione del potere, Berlusconi è il primo uomo di potere fatto carne perché per esistere ha bisogno di essere visto, ammirato, adorato; ecco allora la sua fotostoria portata in tutte le case, il corpo ferito esposto alle telecamere (dopo il parodistico attentato a colpi di statuetta del Duomo di Milano), le debolezze carnali che diventano forza prima.

Paolo Sorrentino in Loro 1 (prima parte di due) inizia da qui: da un’Italia trasformata in un purgatorio di anime “intente a ruotare intorno a una sorta di paradiso in carne e ossa: un uomo di nome Silvio Berlusconi”. I fatti narrati partono dal 2006 e raccontano di alcune di queste anime, principalmente quella di Sergio Morra, talent scout tarantino che vorrebbe ascendere a Roma e entrare nelle grazie di Lui (così viene evocato Berlusconi per tutta la prima parte del film fino alla sua agnizione) porgendogli come dono la sua corte di giovani, belle prostitute. Sergio vive con Tamara, prostituta d’alto bordo che, grazie alle sue frequentazioni con l’ex ministro Santino Recchia, potrebbe fungere da tramite con Berlusconi. Ma la via migliore per Sergio invece si presenta attraverso Kira, un’ape regina che manipola gran parte delle ragazze di Palazzo Grazioli e che ha una via preferenziale con l’ex Primo Ministro. Berlusconi infatti è appena passato all’opposizione, la sinistra pensa che sia finito mentre tutto il resto dell’Italia capisce che è ancora Lui l’energia dell’intero Paese. Sono gli anni della bandana, della crisi con l’ex moglie Veronica Lario e del compleanno di Noemi Letizia. In Loro 1 Berlusconi entra in scena a due terzi del film, mentre tenta di riconquistare la moglie durante le vacanze nella villa in Sardegna. E Sorrentino ce lo presenta come un uomo fondamentalmente solo, incapace di non avere un progetto a cui affidarsi e diviso tra slanci di tenerezza e spietatezza che ne hanno fatto il personaggio che tutti conosciamo. Morra ha affittato la villa a fianco della sua e vi ha condotto una squadra di prostitute degne di un party a casa di Hugh Hefner, ha gettato l’amo in attesa che Berlusconi abbocchi. Ma questo lo vedremo solamente nel prossimo capitolo.

Loro 1 non è solo l’ultimo importante film di un regista che dopo l’Oscar può girare qualunque cosa voglia, ma è soprattutto un importante ritratto socio-politico di un Paese narrato attraverso l’italiano più rappresentativo. Il giudizio definitivo si potrà dare solo dopo aver visto nella sua interezza, ma già da questo inizio ci si può sbilanciare definendolo, come minimo, fondamentale, come forse fu Novecento di Bertolucci per la storia del secolo scorso. Il film attualmente è squilibrato tra una prima parte debordante, crudele e grottesca e una seconda, che vede l’entrata in scena di Berlusconi, più corta ma capace ugualmente di cambiare il ritmo e accendere la luce. Eppure, le tracce di un probabile gran film – forse non il capolavoro - ci sono tutte.

Read 852 times Last modified on Tuesday, 24 April 2018 12:25

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Hellboy (film 2019), podcast recensione del cinecomics reboot con David Harbour e Milla Jovovich
  • Il Campione, recensione del film con Stefano Accorsi
  • Noi - Us, podcast recensione del thriller horror di Jordan Peele

Hellboy, l’eroe della saga di fumetti cult creata da Mike Mignola torna al cinema con un reboot, dopo i primi due film diretti da Guillermo Del Toro usciti ad inizio anni 2000: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito il podcast recensione.

Read More

Arriverà prossimamente al cinema Il Campione, nuovo film con Stefano Accorsi e diretto da Leonardo D'Agostini: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito la recensione.

Read More

E' nei cinema italiani il nuovo film di Jordan Peele (Scappa - Get out), Noi - Us: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito il podcast recensione.

Read More