Recensioni

Wednesday, 26 September 2018 09:48

Locarno Festival 2018: Blackkklansman, recensione del nuovo film di Spike Lee con Adam Driver Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

E' stato presentato, in Piazza Grande alla 71°edizione del Locarno Festival 2018, il nuovo film di Spike Lee, Blakkklansman: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito la recensione. 

A volte basta l’ironia a mettere a nudo l’ignoranza, la protervia e l’intolleranza più bieca. L’ironia e paio di schiaffoni ben dati. Spike Lee è capace di assestare entrambe le cose e, anche se ogni tanto se lo dimentica, di rimanere un ottimo regista. Ci voleva Trump, la sua politica ottusa e una buona dose di oscurantismo mondiale a riaccendere l’ispirazione di uno che il cinema lo fa (e bene) da più di trent’anni. E ci voleva anche il bel romanzo di denuncia Black Klansman, scritto da Ron Stallworth, uno dei primi poliziotti neri di Colorado Springs, per raccontare e fermare la deriva razzista dell’America degli anni Settanta. Così lontana e così vicina a quella attuale.

Dopo essere stato assunto nel corpo della polizia locale grazie al programma d’inserimento delle minoranze etniche, Ron (John David Washington, figlio del più famoso Denzel) si trova a contatto con il leader afroamericano per i diritti dei neri Stokey Carmichael. L’incontro con l’uomo, il suo pensiero e, non ultimo, con la bella bella Patricia, sostenitrice del Black Power, convinceranno il giovane poliziotto a tentare di smascherare i delitti del gruppo locale del KuKluxKlan e del suo leader Jimmy Creek. L’operazione, lunga, complessa e pericolosa coinvolgerà gran parte della polizia locale, tra gli altri Flip Zimmerman (Adam Driver), collega ebreo di Ron, pronto a prestare il volto bianco, per avvicinare e sconfiggere Creek e i suoi accoliti.

È un bel lavoro quello di Spike Lee, perché il regista riesce a ritrovare il ritmo e la sfrontatezza dei tempi migliori, riuscendo a tratteggiare perfettamente il periodo storico e allo stesso tempo a raccontare tante belle storie parallele. Ma, come dicevamo all’inizio, è l’ironia, sottile e divertita, a fare di Blakkklansman un film diverso e migliore di altri: l’arguzia non è per tutti e essere bonari, crudeli e efficaci allo stesso tempo solo in pochi ci riescono.

Read 983 times Last modified on Wednesday, 26 September 2018 09:47

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Rubrica "Raiders of the lost film": Orwell 1984 (1984), dramma fantascientifico di Michael Radford con John Hurt
  • Rubrica "Raiders of the lost film": Piccoli affari sporchi (2002) di Stephen Frears con Audrey Tautou, Chiwetel Ejiofor

Per la rubrica "Raiders of the lost film" parliamo di Orwell 1984, film di Michael Radford con protagonisti John Hurt, Anthony Benson, Richard Burton, Suzanna Hamilton e tratto dal romanzo di George Orwell, 1984: ecco qui otto il podcast.

Read More

Per la rubrica "Raiders of the lost film" parliamo di Piccoli affari sporchi, film del 2002 diretto da Stephen Frears con Audrey Tautou, Chiwetel Ejiofor: ecco qui sotto il podcast sulla pellicola di genere drammatico.

Read More