Recensioni

Wednesday, 23 March 2016 12:21

La comune film, recensione: quando il sogno si trasforma in incubo

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il regista danese Thomas Vinterberg, dopo il successo de Il sospetto, con La comune torna a raccontare le reazioni umane nelle piccole comunità. Ecco la recensione di Cinetvlandia

Un’utopia è tale se tale rimane. Nel momento in cui viene realizzata diviene immediatamente una contraddizione in termini. L’utopia è un obiettivo a cui tendere e se mai si raggiungesse svelerebbe le sue debolezze. L’utopia spesso è un bel sogno, affascinante nella sua inafferrabilità, crudele nella debolezza della realtà. Siamo negli anni Settanta, gli anni dei sogni più grandi dell’uomo stesso, l’età dell’utopia e Erik e Anna, una coppia di intellettuali, decidono insieme alla figlia Freja di dar vita a una comune nella grande villa appena ereditata da Erik, in un quartiere esclusivo di Copenhagen. Il sogno della comune è di Anna, nota giornalista televisiva, e Erik, architetto strutturalista, lo vuole condividere, per amore della moglie. Inizia così la realizzazione di un’idea, fatta di incontri, cene e feste. Ma amicizia, amore e unione possono convivere sotto lo stesso tetto solo se vissute sulla superficie della pelle, nel momento in cui entrano nella carne, mordono e fanno male. E quando Erik si innamora di una studentessa giovane, bella e intelligente e la porta nella comune, il sogno di Anna si trasforma in incubo. Il peggiore che potesse mai pensare di vivere. Thomas Vinterberg, firmatario del manifesto Dogma 95 insieme a Lars von Trier, dopo Il sospetto con La comune torna a analizzare il microcosmo umano. Se nel precedente si concentrava sulle relazione di una comunità di fronte al più turpe dei sospetti, con questo restringe ancora di più il campo e si concentra sulle debolezze del cuore di un piccolo gruppo di sognatori. Tra la commedia d’ambiente e il dramma intimista, il film non riesce sempre a tenere la barra dritta della narrazione e sbanda, come il cuore di Erik, come il senno di Anna. Così come non ci aveva convinto appieno Il sospetto, a maggior ragione questo La comune lascia perplessi: una storia convenzionale, ammantata di originalità solo dichiarata. Un po’ come le regole del decalogo Dogma 95, scritte, firmate, sbandierate e mai mantenute.

Read 1045 times Last modified on Wednesday, 23 March 2016 15:17

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Sorry We Missed you, recensione del nuovo film di Ken Loach
  • Hammamet, podcast recensione del nuovo film biografico con Favino su Bettino Craxi
  • Piccole donne, podcast recensione del nuovo film di Greta Gerwig con Saoirse Ronan e Emma Watson
  • Jojo Rabbit, podcast recensione della commedia satirica di Taika Waititi

E' al cinema il nuovo film di Ken Loach, Sorry We Missed you: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito la recensione.

Read More

E' appena uscito nei cinema italiani il nuovo film biografico di Gianni Amelio, Hammamet interpretato da un ottimo (come sempre) Pierfrancesco Favino nel ruolo di Bettino Craxi: ecco qui di seguito il nostro podcast recensione sulla pellicola.

Read More

Il nuovo film di Greta Gerwig è Piccole Donne appena uscito al cinema: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito il podcast recensione.

Read More

Esce questa settimana al cinema il nuovo film di Taika Waititi (regista di Thor Ragnarok), Jojo Rabbit con Griffin Davis, Thomasin McKenzie, Scarlett Johansson e Sam Rockwell: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito il podcast recensione.

Read More