Recensioni

Friday, 08 June 2018 10:31

Ippocrate, recensione film di Thomas Lilti con Vincent Lacoste e Jacques Gamblin

Written by 
Rate this item
(0 votes)

E' appena uscito al cinema Ippocrate di Thomas Lilti con Vincent Lacoste, Jacques Gamblin, Reda Kateb e Marianne Denicourt: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito la recensione.

Ci ha messo un po’ ma alla fine è arrivato anche sugli schermi italiani. Ippocrate il film di Thomas Lilti, fu presentato a Cannes nel 2014 e lo stesso anno guadagnò diversi César (gli Oscar francesi) facendo conoscere un regista che fino a quel momento aveva lavorato più sulla scrittura che dietro la macchina da presa.

“Da adolescente avrei voluto diventare regista - ammette il regista - ma dietro la pressione dei miei genitori capii che era necessario intraprendere degli studi seri, e visto che mio padre era medico, optai per medicina per garantirmi un futuro”. E siccome ogni esperienza può diventare una storia, ecco che l’apprendimento del giovane Lilti diventa per trasposizione la storia di Benjamin, giovane medico tirocinante atteso dal suo primo giorno nel reparto di medicina interna dove lavora il padre. I mezzi sono scarsi, l’organizzazione è raffazzonata, ma la passione sopperisce dove queste mancano. Così, insieme a Abdel, medico straniero in Francia per l’apprendistato, si troverà ad affrontare piccoli e grandi problemi, scoprendo il valore dell’amicizia e dalla solidarietà, ma anche la paura e la preoccupazione di non essere all’altezza di un compito che potrebbe costare la vita ai pazienti.

“Quello del medico non è un mestiere è più una specie di maledizione”, ammette Abdel e il racconto di Ippocrate ci svela quanto sia determinante il fattore umano, molto più di qualsiasi medicina.“In TV la rappresentazione dell’ospedale avviene attraverso immagini stereotipate racconta ancora Lilti - mentre io mi sono rituffato nei miei ricordi per ritrovare le emozioni vissute in quegli anni. La dimensione romantica di Ippocrate non ha fondamenta solide, se l’ambiente non è credibile in ogni dettaglio, anche il più piccolo”.

Umanità e realismo sono le qualità migliori di Ippocrate, un film solo apparentemente piccolo (perché girato prevalentemente in interni e con pochi mezzi), che grazie alla capacità di rappresentare i sentimenti diventa universale. L’ambientazione ospedaliera, ben distante da quella del Dottor House, citato e sbeffeggiato nel film, diventa così il luogo ideale per la messa in scena di una bella storia di amicizia tra chi vive nel privilegio e chi deve lottare anche solo per non farsi sopraffare.

Read 866 times Last modified on Friday, 08 June 2018 10:39

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Nomadland, podcast recensione del dramma con Frances McDormand trionfatore agli Oscar 2021
  • Love and monsters, podcast recensione del film in streaming

Vincitori alla 77°edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica del Festival di Venezia 2020 e trionfatore agli Oscar 2021, è arrivato in streaming e al cinema Nomadland, nuovo film diretto da Chloé Zhao: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito il podcast recensione sul film.

Read More

E' da poco uscito in streaming il film d'avventura e fantascienza, Love and Monsters diretto da Michael Matthews con Dylan O'Brien, Jessica Henwick, Ariana Greenblatt e Michael Rooker: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito il podcast recensione. 

Read More