Recensioni

Friday, 12 April 2019 17:22

Il Campione, recensione del film con Stefano Accorsi Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Arriverà prossimamente al cinema Il Campione, nuovo film con Stefano Accorsi e diretto da Leonardo D'Agostini: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito la recensione.

Qualcosa si muove nel cinema italiano. Sono più simili a movimenti fetali che a vere e proprie azioni, ma da questi qualcosa potrebbe effettivamente nascere. Il nostro cinema da un po’ ha smesso di rimirarsi l’ombelico e alzare lo sguardo verso un orizzonte più ampio. Vero che il genere commedia rimane quello più utilizzato, ma almeno non è più il solo. E quando anche lo sia, spesso al suo interno si trovano i semi di qualcosa di nuovo.

È il caso de Il campione, opera prima di Leonardo D’Agostini, prodotto però da due registi che lo sguardo hanno già provato a lanciarlo oltre: Matteo Rovere (Il primo re) e Sydney Sibilia (Smetto quando voglio). La storia dell’amicizia tra un giovane campione di calcio e un disilluso insegnate di liceo ha sì il sapore conosciuto di mille altre commedie nazionali, ma la struttura del racconto, la definizione dei personaggi, il ritmo della narrazione e certe scelte stilistiche lo avvicinano più al cinema americano che al nostro. Con tutti i suoi pregi e, naturalmente, i tanti difetti.

Christian Ferro è cresciuto in un quartiere della periferia romana e a vent’anni è l’idolo della tifoseria della Roma Calcio. Geniale, sfrontato, arrogante, indisciplinato e ovviamente ricchissimo Christian vive le sue giornate sulla superficie, circondato da parassiti e senza un reale contatto col mondo. A cercare di cambiare le abitudini disordinate del suo campione ci pensa il presidente della squadra che decide di affiancargli Valerio, un professore di liceo che dalla scuola si tolto da tempo e forse ha smesso di credere nella vita stessa, per preparare Christian all'esame di maturità.

“Mi piaceva l’idea di parlare del rapporto forzato tra due personaggio agli antipodi - racconta il regista - un giovane ribelle di grande talento e dalle prospettive illimitate è un uomo che di prospettive non sembra più averne, né volerne. Per migliorarsi dovranno superare i limiti e le loro durezze, riconoscere che la ferita che gli provoca dolore è la stessa e dovranno fidarsi l’uno dell’altro”.

Sia Christian che Valerio si portano appresso un dolore grande (uno la perdita della madre, l’altro quella del figlio) che li ha fatti diventare quello che sono, e la solitudine (una diversa dall’altra) in cui sono precipitati non li aiuta certo a guarire.

Non è certo un film rivoluzionario Il campione perché segue sicuro la traccia lasciata da altri film precedenti - da Il sorpasso a Quasi amici -, eppure la struttura semplice del carattere dei personaggi e dei sentimenti rappresentati permette al film di guadagnarsi una sua identità precisa. Come spesso accade nel cinema statunitense, la storia non è mai sospesa, bensì spiegata in ogni suo dettaglio (finale compreso), quasi a non voler impegnare troppo lo spettatore, lasciandolo libero di lasciarsi trasportare dalle reazioni a sentimenti semplici (la risata e la lacrima chiamate). E anche la regia dinamica (sono proprio belle le riprese delle azioni sul campo da calcio) aiuta il film a staccarsi dal confine nazionale per volare oltre.

Read 256 times Last modified on Friday, 12 April 2019 17:43

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Juliet Naked, podcast recensione della commedia con Rose Byrne e Ethan Hawke
  • I morti non muoiono, podcast recensione della commedia horror di Jarmusch con Murray e Adam Driver

E' nei cinema italiani la commedia Juliet Naked, diretta da Jesse Peretz con protagonisti Rose Byrne e Ethan Hawke: Cinetvlandia l'ha vista e vi propone qui di seguito il podcast recensione. 

Read More

Dopo aver aperto l'ultima edizione del Festival di Cannes 2019, arriva questa settimana al cinema il nuovo film di Jim Jarmusch, i morti non muoiono con Adam Driver, Bill Murray, Tilda Swinton, Chloë Sevigny e Steve Buscemi: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito il podcast recensione.

Read More