Recensioni

Tuesday, 18 September 2018 12:13

Girl, recensione dell'opera prima di Lukas Dhont con Victor Polster e Arieh Worthalter

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Esce la settimana prossima nei cinema italiani l'opera prima di Lukas Dhont con Victor Polster e Arieh Worthalter, Girl: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito la recensione. 

Ripensate alla vostra adolescenza, alle insicurezze che ti riempivano il cervello e alla lotta contro un corpo ostile. Ripensate alle ubbie, agli sbalzi d’umore e a tutte le manifestazioni di odio e di amore mal riposti. Provateci e se non riusciste andate a vivere insieme a Lara un anno di quell'età ingrata.

Lara ha sedici anni, vive col padre e il fratellino in un nuovo appartamento in cui si sono trasferiti per essere più vicini alla prestigiosa scuola di danza alla quale la ragazza si è appena iscritta. Ma Lara non è un’adolescente come tante, perché in realtà è una ragazza imprigionata dentro il corpo di maschio. La biologia dice una cosa, il cuore e la testa un’altra e trovare un accordo a un conflitto così spietato non sarà semplice. Un conflitto in cui il corpo pare avere la meglio fino quasi a sopraffare Lara.

“Girl è un film sulla lotta interiore di una giovane eroina – racconta il regista - che mette a rischio il proprio corpo per diventare la persona che vuole essere. Qualcuno che sceglie di essere se stesso all’età di 16 anni, quando a molte persone occorre una vita intera” Un debutto folgorante quello di Lukas Dhont, regista belga di 27 anni amante del balletto e delle performance artistiche, capace di incantare giuria e pubblico all'ultimo festival di Cannes e di aggiudicarsi la Camera d’Or. Girl è un film intenso, dolce e crudele, che vive negli sguardi lievi di Victor Polster (premiato come miglior attore alla sezione Un Certain Regard), ballerino dal fascino efebico che offre al martirio del personaggio interpretato il proprio corpo.

Girl è anche un film fisico e poetico capace di essere allo stesso tempo cronaca lucida di un tormento interiore e metafora di un’età che pare non finire mai. Un gioiello grezzo che annichilisce, commuove, affascina e ti colpisce duro al ventre lasciandoti tramortito a terra.

Read 687 times Last modified on Tuesday, 18 September 2018 12:20

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Rubrica "Raiders of the lost film": Orwell 1984 (1984), dramma fantascientifico di Michael Radford con John Hurt
  • Rubrica "Raiders of the lost film": Piccoli affari sporchi (2002) di Stephen Frears con Audrey Tautou, Chiwetel Ejiofor

Per la rubrica "Raiders of the lost film" parliamo di Orwell 1984, film di Michael Radford con protagonisti John Hurt, Anthony Benson, Richard Burton, Suzanna Hamilton e tratto dal romanzo di George Orwell, 1984: ecco qui otto il podcast.

Read More

Per la rubrica "Raiders of the lost film" parliamo di Piccoli affari sporchi, film del 2002 diretto da Stephen Frears con Audrey Tautou, Chiwetel Ejiofor: ecco qui sotto il podcast sulla pellicola di genere drammatico.

Read More