Recensioni

Tuesday, 27 March 2018 14:32

Contromano, recensione della commedia drammatico di e con Antonio Albanese

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Esce questa settimana nei cinema italiani il nuovo film di Antonio Albanese, Contromano (video della conferenza stampa di presentazione): Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito la recensione.

A 16 anni di distanza dal suo terzo film come regista, Il nostro matrimonio in crisi dopo i due divertenti Uomo d'acqua dolce e e La fame e la sete, Antonio Albanese torna dietro la macchina da presa per raccontare una storia incentrata su una questione molto attuale: l'immigrazione. Lo spunto è surreale e provocatorio, per risolvere tale problema si potrebbe fisicamente riportare a casa ogni immigrato che arriva in Italia, la battuta è una provocazione "pensa Cosa succederebbe se ognuno di noi portasse a casa un immigrato non avremo più tale problema" ha dichiarato l'attore regista Antonio Albanese.

La storia vede protagonista Mario Cavallaro (Antonio Albanese) uomo di mezza età che vede nei cambiamenti un pericolo, una forma d'instabilità che non permette ai cittadini di vivere in maniera felice. Lui è un uomo preciso, milanese DOC, cinquantenne che per una vita ha gestito un negozio di calzature e vede ora la sua attività in pericolo - non tanto perché la sua routine di bere un caffè nel solito bar non sarà fatto da un amico di una vita ma da un egiziano che hai rilevato il locale - quanto per il fatto che di fronte al suo negozio, Oba un venditore ambulante e immigrato gli fa concorrenza, vendendo a sua volta calze cinesi di infima qualità. Non sapendo come risolvere il problema, decide di rapire il suddetto clandestino e intraprendere un viaggio fino alla lontano Senegal e riportare alla sua casa d'origine il clandestino. Il viaggio non sarà solo con i due personaggi ma a loro si unirà anche la brava e bella Aude Legastelois che interpreta la sorella di Oba, Dalida. Durante il lungo percorso affrontato in macchina, le parti coinvolte, molto diverse e contrastanti fra loro, avranno l'occasione di conoscersi meglio e di capire le rispettive culture che, nonostante la distanza chilometrica, hanno diversi punti in contatto.

Contromano di Antonio Albanese è una commedia dalle tinte drammatiche e sociali riuscita solo in parte, poichè pur partendo da un'interessante provocazione, durante il proseguo del lungo viaggio perde di mordente e incisività, a cui si aggiunge una distrazione narrativa con il personaggio di Dalida che, in alcuni momenti, fa pensare a un'intesa amorosa tra Mario e lei, elemento che spiazza e fa perdere il filo del film. Tra alti e bassi, la commedia scorre ma i toni e i dialoghi sono sempre un po' troppo morbidi e quello che doveva essere un viaggio rappacificatore e di confronto, si trasforma in una "scampagnata" lunga, fuori dalle mura cittadine e dalla solita routine della vita di un negoziante. A dimostrazione di come il Mood è fin troppo leggero, soprattutto nel finale sinceramente troppo buonista e consolatorio che stride, e non poco, con la realtà controversa e difficile com'è quella del Senegal. Risulta così poco credibile che un personaggio come Mario, abituato alla tradizione, la routine e la sua vita nel piccolo giardino di casa si adegui e si integri con quella del Senegal, intraprendendo una nuova vita. La commedia caratterizzata da un tono serio, dove le battute e la risata hanno poco spazio, ha comunque anche dei momenti interessanti e convincenti, soprattutto nella prima parte quando ancora i personaggi sono relegati al loro contesto sociale. L'interpretazione di Antonio Albanese è efficace per il tipo di personaggio che interpreta e lo stesso dicasi per gli altri due attori, Alex Fondja e Aude Legastelois, entrambi interpreti di uno spaccato sociale particolare, senza però risultare delle macchiette cinematografiche stereotipate.

Contromano è così un film provocatorio, a suo modo stimolante intellettualmente che lascia nello spettatore alcune domande su cui riflettere, nonostante il modo in cui tutto è raccontato non è di quelli più convincenti e solide.

Voto: 5,5

Read 1252 times Last modified on Tuesday, 27 March 2018 15:36

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Mandibules, podcast recensione della commedia surreale francese di Quentin Dupieux al cinema
  • Security, podcast recensione del thriller con Marco D'Amore in streaming e su Sky Cinema
  • Comedians, podcast recensione del nuovo film di Gabriele Salvatores

Esce questa settimana al cinema Mandibules, commedia francese surreale diretta da Quentin Dupieux con protagonisti Grégoire Ludig e David Marsais: Cinetvlandia l'ha vista e vi propone qui di seguito il podcast recensione sul film.

Read More

E' appena uscito su Sky Cinema e in streaming su Now il film Security di Peter Chelsom con Marco D'Amore, Maya Sansa, Fabrizio Bentivoglio, Valeria Bilello, Silvio Muccino: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito il podcast recensione.

Read More

E' appena uscito al cinema il nuovo film di Gabriele Salvatores, Comedians con Ale e Franz, Natalino Balasso, Christian De Sica, Marco Bonadei, Aram Kian, Walter Leonardi: Cinetvlanda l'ha visto e vi propone qui di seguito il podcast recensione.

Read More