Recensioni

Monday, 14 November 2016 19:09

Che vuoi che sia, recensione commedia di e con Edoardo Leo

Written by 
Rate this item
(0 votes)

E' uscito al cinema Che vuoi che sia, commedia di e con Edoardo Leo: cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito la recensione.

Edoardo Leo è uno di quei attori e registi dell'ultima generazione che è sempre il caso di seguire e vedere perchè ha la conoscenza di ciò che gli sta attorno e della realtà in cui viviamo. Il suo cinema è si leggero e spensierato ma tiene sempre in mente e sullo schermo quello che vuol raccontare e dire: la società non ha punti di riferimento solidi per costruire un futuro. Anche con questa nuova commedia, il regista attore si focalizza su due argomenti molto delicati: l'uso smodato dei canali social e la perdita della propria intimità e dignità, seguendo la regola machiavellica del fine che giustifica i mezzi. 

Al centro della storia abbiamo una coppia di quarantenni che fanno fatica a campare e seguire i propri sogni, derivati da un'istruzione che non permette loro di avere certezze. Così per aver qualche speranza di successo, Claudio s'inventa un app che permette di trovare lavori a chi ne richiede nel minore tempo possibile. Il crowdfunding per sviluppare il supporto non segna la svolta sperata e così la coppia, in un momento di scarsa lucidità mentale (in quanto ubriachi) dichiarano in un video che se la loro campagna di promozione raggiungerà il budget di ventimila euro, loro faranno un video porno. E da qui inizia il loro calvario con il popolo di internet.

Che vuoi che sia pone tanti interrogati interessanti: il rapporto che le persone hanno con gli strumenti di comunicazione di ultima generazione e come li porta a comportarsi, la svendita della propria dignità e tutta una serie di questioni morali odierne che ne conseguono. Ciò che ne deriva è anche lo sfogo dei protagonisti in merito a tali questioni, gli strumenti utilizzati riescono allo stesso tempo ad esaltare e schiacciare la popolarità di una persona: lo sfogo è generazionale e culturale contro la tecnologia che ha fatto da tabula rasa e ha portato le persone a cambiare drasticamente e totalmente il modo di pensare e agire, in poco più di dieci anni da quando esistono i social.  

Edoardo Leo con leggerezza, humor e amarezza mescola tutti questi argomenti, riflessioni e stati d'animo che sono di assoluta attualità. Ciò che ne viene fuori è una commedia che sa essere specchio dei nostri giorni e dei nostri pensieri ma che non va mai in profondità e che non vuole essere mai troppo serioso, impegnato ed impegnativo. Nella semplicità del film, i personaggi, le dinamiche e gli argomenti sono chiari, abbiamo ben delineata la situazione e i dubbi che attanaglia la giovane coppia. C'è anche qualche momento per ridere ma sono piccole parentesi, soprattutto con Rocco Papaleo, il resto è una graduale discesa verso l'annullamento della propria personalità ed identità, nonostante il finale al quanto controverso e che non segue con coerenza quello che è stato seminato prima. A suo modo interessante e riflessivo sul momento attuale del rapporto tra internet e l'identità dell'essere umano. Coraggioso.

 

 

Read 1089 times Last modified on Monday, 14 November 2016 20:14

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Rubrica "Raiders of the lost film": La vita agra (1964) di Carlo Lizzani con Ugo Tognazzi e Giovanna Ralli
  • Rubrica "Raiders of the lost film": Nata di Marzo (1957) di Antonio Pietrangeli
  • Rubrica "Raiders of the lost film": il posto delle fragole (1957) di Ingmar Bergman

Per la rubrica "Raiders of the lost film" parliamo di La vita agra, commedia uscita nel 1964 diretta da Carlo Lizzani con Ugo Tognazzi e Giovanna Ralli: ecco qui sotto il podcast sul film.

Read More

Per la rubrica "Raiders of the lost film" parliamo di Nata di marzo, commedia amara italiana diretta da Antonio Pietrangeli con Jacqueline Sassard, Gabriele Ferzetti: ecco qui sotto il nostro podcast sul film.

Read More

Per la rubrica "Raiders of the lost film" parliamo de Il posto delle fragole, capolavoro di Ingmar Bergman uscito nel 1957: ecco qui sotto il podcast sul film.

Read More