Recensioni

Wednesday, 04 October 2017 09:21

Black Sabbath the end of the end, recensione: l'ultimo canto heavy metal del cigno di Birmingham

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Arriva solo per un giorno al cinema, oggi 4 ottobre, il film concerto Black Sabbath the end of the end: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito la recensione.

Sono la leggenda del Heavy metal da 49 anni e hanno fatto la storia della musica. Nel documentario diretto da Dick Carruthers, non solo li vediamo per l'ultima volta sul palco a Birmingham, la loro città Natale, ma, ed è la parte più interessante, si confidano con i loro fan attraverso il grande schermo in modo assolutamente inedito, molto intimo e sincero. Il tutto nasce dal passare ancora qualche giorno insieme post ultimo concerto per eseguire quei pezzi "non classici" che non suonavano da vari decenni. Quel che viene fuori è un bellissimo regalo musicale e filmico per i propri fan, il vero motore della band che non lesina doverosi segni di gratitudine. Si parla di musica ma anche di vita privata, con un mix di aneddoti che si susseguono e rendono il tutto speciale e colorato. One man show è ovviamente Ozzy Osbourne con i suoi fuck che si ripetono incessantemente, mentre si concede alle domande del regista; gli altri due mitici membri della band, Tony Iommi e Geezer Butler, sono a confronto più sobri e gentili, ma capaci anche loro di non essere scontati e banali. Il quadro cinematografico che viene fuori è un documentario musicalmente affascinanti con le loro canzoni immortali (iron man, Paranoid, War Pigs solo per dirne qualcuna) e dall'altra parte un film umano e prezioso da conservare nel cuore e nella mente dei fan dei Black Sabbath.

“Tornare a casa dopo tutti questi anni è stato qualcosa di speciale. È stato difficile dire addio ai fan, che ci hanno seguito per tutto questo tempo. All'inizio della nostra carriera non ci saremmo mai potuti immaginare che saremmo tornati, 49 anni dopo, proprio qui a casa nostra per il nostro ultimo spettacolo”. Tale dichiarazione della band racchiude perfettamente il senso di una carriera e del documentario Black Sabbath The end of the end, dove si preferisce non dare spazio ai litigi del gruppo degli anni passati ma si preferisce, giustamente, gioire e raccontarsi in modo molto schietto e per nulla convenzionale. Il film dura due ore che volano e che i fan non vorrebbero che finisse mai. Un bel documentario, semplice nella forma ma con significativi elementi, sentirli e ascoltarli su grande schermo è decisamente emozionante. L'ultimo canto heavy metal del cigno di Birmingham.

Read 1086 times Last modified on Wednesday, 04 October 2017 09:48

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Piccole donne, video recensione del film di Greta Gerwig e degli extra del blu-Ray
  • Il più grande sogno, podcast recensione dell'opera prima con Mirko Frezza e Alessandro Borghi

E' uscito in home video Piccole donne, adattamento del romanzo di Louisa May Alcott diretto da Greta Gerwig con Saoirse Ronan, Emma Watson, Florence Pugh, Eliza Scanlen, Timothée Chalamet, Laura Dern e Meryl Streep: ecco qui sotto la video recensione sul film e gli extra presenti nel blu-Ray. 

Read More

Il più grande sogno è l'opera prima di Michele Vannucci con Mirko Frezza e con Alessandro Borghi: ecco qui di seguito il podcast recensione sul dramma presentato al Festival di Venezia.

Read More