Recensioni

Wednesday, 16 November 2016 11:23

Animali fantastici e dove trovarli, recensione: l'inizio di una saga che sa di prequel Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Abbiamo visto ieri sera in anteprima Animali fantastici e dove trovarli, nuovo capitolo della saga Harry Potter che trae spunto dall'omonimo libro della Rowling: ecco la nostra recensione.

A cinque anni dall'ultimo capitolo della saga fantasy, Harry Pottter e i doni della morte parte 2, torniamo nel magico mondo creato dall'autrice inglese ma questa volta non siamo più a Hogwarts. Il film, infatti, è ambientato negli anni'30 (ben ricostruiti) a New york, protagonista è l'eccentrico professor Newt Scamandro (o Scamander nella versione inglese) ben interpretato sia per mimica, presenza fisica e recitazione da Eddie Redmayne. Il docente, dopo essere stato alla scuola diretta da Albus Silente, compie un viaggio nella grande Mela per recuperare una creatura magica. Impegnato a scrivere un bestiario enciclopedico, da qui il titolo del libro e quindi del film, Newt viaggia per raccogliere informazioni sulle creature più bizzarre del pianeta per poi metterle nero su bianco in quello che sarà il libro che Harry Potter e compagni studieranno. Questo primo capitolo, a cui ne seguiranno tanti altri - si parla già di quattro/cinque film e relativi libri - si basa su una sceneggiatura originale scritta dalla stessa Rowling che da forma su grande schermo alla sua grande creatività visiva e narrativa. Il manuale da cui prende spunto l'adattamento è un semplice elenco di animali magici che il professore ha studiato e collezionato nella sua lunga vita, ma che non ha parte testuale particolarmente fitta a cui potersi aggrappare. Nel viaggio a New york, Newt farà conoscenza di una comunità di maghi che vive nell'ombra all'insaputa dei babbani, qui chiamati no-maj, e del mago Graves (interpretato da Colin Farrell) che invece vuole uscire dall'ombra e rendere noti i propri poteri...

Animali fantastici e dove trovarli, più che uno spin-off, è un prequel d'apertura come lo fu Harry Potter e la pietra filosofale nel ormai lontano 2001. La regia affidata a David Yates, autore degli ultimi quattro capitoli della saga Harry Potter, è decisamente migliorata e più misurata. A volte eccede, però, in inquadrature lunghe e lente che non favoriscono il ritmo del film e la dinamica degli eventi, a tratti anche un po' macchinosi e statici da non generare entusiasmo e coinvolgimento in chi lo guarda. L'aspetto spettacolare viene dato però dai tanti animali presenti e dalla magia, con trucchi ed incantesimi che abbondano e dei quali il distratto professor Newt non fa alcun mistero di saperli usare, anche in pubblico. I rimandi alle opere cinematografiche ci sono, alcuni molto chiari e diretti molto probabilmente a "voi sapete chi", ma va ammesso che non si strizza troppo l'occhio e ciò è sicuramente una nota di merito, oltre che una volontà di mantenere una propria identità e autonomia. Gli effetti speciali sono ben curati soprattutto nel design e nel realismo delle creature fantastiche, nelle scenografie storiche di New York e nelle diverse costruzioni e distruzioni di palazzi:  rispetto al passato la cgi e VFX sembrano decisamente migliori e più uniformi, a vantaggio della riuscita estetica del film stesso.

Animali fantastici e dove trovarli  è un film che racconta poco, da solo dei piccoli spunti, è una sorta di prologo incentrato sulla vita di Newt Scamandro e poco di più. Non è un film che esalta o ti fa venir voglia di saperne di più sul docente e le sue creature fantastiche, ma almeno ti da l'idea che si possa narrare una nuova storia lontana da Hogwarths e ampliare così l'universo di Harry Potter. Ritmo e dinamicità ai prossimi film, si spera.

Read 1161 times Last modified on Wednesday, 16 November 2016 12:49

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Il Re Leone film 2019, podcast recensione del nuovo live action Disney
  • Locarno Festival 2018: L'ospite (The Guest), video recensione della commedia di Duccio Chiarini

Sta per arrivare nei cinema di tutto il mondo il nuovo film Disney in live action, Il Re Leone, rivisitazione del successo d’animazione Disney del 1994: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito il podcast recensione.

Read More

L'ospite, il nuovo film di Duccio Chiarini (video conferenza stampa), è stato presentato in prima mondiale nella sezione "Piazza Grande" alla 71°edizione del Festival di Locarno 2018 (tutti i vincitori): Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito la video recensione.

Read More