Print this page
Tuesday, 03 September 2019 10:30

Agenda Brasil 2019 dal 6 al 8 settembre a Roma alla Casa del cinema: programma della 2°edizione

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Dopo il grande successo della sua prima edizione, torna a Roma a settembre Agenda Brasil 2019, la più importante rassegna cinematografica dedicata al Brasile: tutto il programma della seconda edizione dal 6 al 8 settembre alla Casa del Cinema

Sulla scia delle recenti vittorie a Cannes del realismo magico in stile western di “Bacurau” (premio della giuria) e del toccante racconto al femminile “A Vida Invisível de Eurídice Gusmão” (vincitore alla sezione competitiva “Un certain regard”), che hanno confermato la vitalità del cinema brasiliano contemporaneo, la programmazione di questa edizione romana ha voluto includere film potenti, che hanno già ricevuto riconoscimenti a livello internazionale, e affrontano con coraggio alcuni temi di grande attualità del quotidiano brasiliano: l’attacco alla democrazia, la crisi ambientale, le questioni di genere, le diversità razziali, il traffico e il consumo di stupefacenti. 

10 film con una visione forte, personale e attuale che mostrano un paese variegato, multiculturale e ancora alla ricerca di una identità., come sottolinea Regina Nadaes Marques, Direttrice del festival: “Mai come prima l’arte cinematografica rispecchia il vissuto della società brasiliana, non solo attraverso i documentari ma anche con i film di finzione. Tenuto conto che in questo momento il Brasile sta attraversando un periodo delicato, con un governo alquanto polemico rispetto a temi sociali molto sentiti e spesso ignorati, ecco che il cinema si fa carico di parlarne. Per Roma abbiamo voluto presentare una selezione che contempla l'attuale produzione sia in termini geografici (film prodotti a Rio, a São Paulo, nel nuovo polo cinematografico della 'Paraíba' oltre a due coproduzioni internazionali) che in termini dei temi affrontati.”

Nadaes Marques è Presidente dell’Associazione Vagaluna che organizza Agenda Brasil anche a Milano, Genova e Torino. 

Tre grandi registi saranno presenti alla Casa del Cinema di Roma per incontrare il pubblico: Diego Di Niglio, regista del film Aurora 1964, Premio per la migliore sceneggiatura alla 2° edizione della Mostra Nazionale Sesc di Cinema e Premio giuria Agenda Brasil Milano 2019, André Besen, direttore della fotografia di Ayahuasca, expansão da consciência, e Daniel Camargo, regista di George Hilton: o mundo é dos audazes, documentario biografico sulla vita di George Hilton, l’attore uruguayano scomparso il 28 luglio scorso. 

La scelta di proiettare il documentario è un omaggio non solo al regista e a Hilton stesso, ma anche e soprattutto, come aggiunge Regina Nadaes Marques, “a quel cinema che ha avuto il suo centro proprio a Roma, un cinema di artigiani di ingegno che hanno saputo costruire una fabbrica dei sogni capaci di popolare l’immaginario non solo italiano degli anni 60/70. Come in un altro senso stanno facendo oltreoceano i  nuovi ed inediti film brasiliani che proponiamo, rimodellando l'immagine e la percezione di questo Paese/Continente."

L’evento è organizzato dall’ Associazione Vagaluna in collaborazione con Fusion Communications e prodotto da Christoffel Promoções e Produções con il contributo del FSA (Fundo Setorial do Audiovisual) – ANCINE e dell’Ambasciata del Brasile a Roma. 

I film saranno proiettati in versione originale con sottotitoli in italiano, l’ingresso è libero.

PROGRAMMA: AGENDA BRASIL ROMA 2019 

VENERDI' 6 SETTEMBRE

h 19.00 Clementina (Brasil, 2018, 75’) regia di Ana Rieper. Clementina de Jesus spicca nella storia della musica brasiliana per la sua voce eccezionale, per i testi poetici, i tamburi più eloquenti e il repertorio religioso di origine africana. Nipote di schiavi, con il suo canto ha mostrato tutta la gioia, la forza e il dramma della condizione dei neri in Brasile. Vincitore del Trofeo Aruanda per il miglior personaggio femminile del 2018. 

h 21.00 O beijo no asfalto (Brasile, 2018, 98’) regia di Murilo Benício, basato sull’omonima opera di Nelson Rodrigues. Arandir, un giovane impiegato di banca appena sposato, soccorre un uomo investito da un autobus. L’uomo, morente, esprime l’ultimo desiderio: un bacio. Arandir bacia l’uomo, ma il gesto è visto dal suocero Aprígio e fotografato da un reporter a caccia di scoop. Il reporter indaga oltre a incitare la polizia ad investigare su una presunta relazione tra Arandir e il morto. Con Fernanda Montenegro, Lázaro Ramos, Débora Falabella, Augusto Madeira, Otávio Müller, Luiza Tiso, Amir Hadad, Stênio Garcia, Raquel Fabri, Marcelo Flores e Arlindo Lopes. Premio giuria e pubblico Agenda Brasil Milano 2019.

SABATO 7 SETTEMBRE

h 15.00 Tente entender o que tento dizer (Brasile, 2018, 80’), regia di Emília Silveira. Il quotidiano di 6 personaggi sieropositivi provenienti dalle più svariate classi sociali, professioni, orientamenti sessuali e religiosi. Un documentario contro le barriere imposte dall’HIV. In contrappunto alla disinformazione, mostra che la vita è comunque ricca di possibilità e alternative. Premio del pubblico Agenda Brasil Milano 2019.

h 17.00 Beiço de estrada (Brasile, 2018, 105’) regia di Elièzer Rolim. Nel Nordest del Brasile, rustico, arido e selvaggio, Madame Lili è la padrona di un antico bordello, Beiço de Estrada, dove ha fatto prostituire le sue tre figlie. Ora è nonna di due nipoti e per loro aspira ad una vita diversa e migliore da quella delle loro madri ma l’arrivo di vecchio frequentatore darà inizio a un nuovo ciclo per il Beiço de Estrada. Con Darlene Glória, Jackson Antunes, Mayana Neiva, Luana Valentim, Rique Messias. Pluripremiato al Festival del Cinema Aruanda-João Pessoa. 

h 19.00 Ayahuasca, expansão da consciência (Brasile, 2018, 73’), regia di Fausto Noro. La controversa bevanda ‘Ayahuasca’, raccontata attraverso l’esperienza personale del regista. Il documentario fornisce una visione scientifica, spirituale e antropologica dell’utilizzo dell’Ayahuasca’, dalle origini nella Foresta Amazzonica fino all’arrivo nei grandi centri urbani. Presente il direttore della fotografia.

h 21.00 George Hilton: o mundo é dos audazes (Brasile/Italia 2019, 106’) regia di Daniel Camargo. Biografia di George Hilton, una stella del cinema italiano dagli anni '60 agli anni '80. Hilton lasciò la sua famiglia benestante in Uruguay, avventurandosi in Italia e diventando protagonista di westerns, gialli e altri generi del cinema popolare. 

Presente il regista.

DOMENICA 8 SETTEMBRE

h 15.00 Krenak (Brasile, 2017, 74’) regia di Rogério Corrêa. Il film racconta la storia della resistenza del popolo indigeno Krenak dal 1808, data d’arrivo di Don João VI in Brasile, fino al disastro ambientale del Rio Doce, causato dalla rottura di una diga di fango e di minerali a Mariana nel 2015. Vincitore del premio Olhares e Enquadramentos del Festival Rios di Lisbona 2018. Con sottotitoli per non udenti.

h 17.00 Aurora 1964 (Brasile, 2017, 106’), regia di Diego Di Niglio. Un paese in piena crisi democratica, segnato da conflitti politici e sociali, è lo sfondo del racconto dei personaggi la cui vita è stata segnata dal regime militare instaurato dopo il colpo di stato del 1964. Un esercizio di memoria che getta ponti nella storia brasiliana dei secoli XX e XXI. Premio per la migliore sceneggiatura alla 2° edizione della Mostra Nazionale Sesc di Cinema. Premio giuria Agenda Brasil Milano 2019.

Presente il regista.

h 19.00 Alguma coisa assim (Brasile / Germania, 2017, 80’) regia di Esmir Filho e Mariana Bastos. Il film racconta la storia di Caio e Mari, due giovani adulti la cui relazione va oltre qualsiasi definizione. La trama attraversa un periodo di 10 anni, in diversi momenti in cui i loro desideri divergono e la loro relazione è messa a dura prova. Una riflessione sulla sessualità, sulle etichette e su come il tempo segni e trasformi gli incontri. Il film è stato sviluppato a partire dall’omonimo cortometraggio, premiato alla 45° Settimana della critica del Festival de Cannes del 2006 ed è realizzato con gli stessi attori del cortometraggio. Con Caroline Abras, André Antunes, Clemens Schick, Juliane Elting e Knut Berger. Premio del pubblico Agenda Brasil Milano 2019.

h 21.00 Tungstênio (Brasile, 2017, 71’) regia di Heitor Dhalia. Dall’omonima graphic novel di Marcelo Quintanilha. Salvador, Bahia. Un sergente in pensione cerca aiuto per fermare due uomini che pescano con la dinamite. Troverà il sostegno di un trafficante che deve un favore a un poliziotto ma nulla andrà come previsto.  Con Fabrício Boliveira, Samira Carvalho, José Dumont, Wesley Guimarães, Pedro Wagner.

Read 294 times Last modified on Tuesday, 03 September 2019 10:39
Joomla SEF URLs by Artio