Festival

Tuesday, 02 October 2018 14:45

Oniros Film Awards 2018: bilancio e vincitori della prima edizione ad Aosta

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Si è conclusa a fine agosto ad Aosta la prima edizione del Oniros Film Awards 2018: bilancio della prima edizione, tutti i vincitori e uno sguardo al futuro.

Spenti i riflettori che hanno illuminato il palco del Teatro Giacosa di Aosta come uno scenario hollywoodiano e già si pensa alla seconda edizione dell’Oniros Film Awards, il festival internazionale dedicato al cinema indipendente di qualità ideato dai valdostani Fabio Cento e Charles E. Pellissier. Un festival che si è sviluppato nell’arco di 12 mesi con una continua selezione di lavori da tutto il mondo, per assegnare i premi mensili che si sono confrontati nella serata finale di sabato 25 agosto. Un vero e proprio Red Carpet ha aperto la cerimonia di premiazione presentata dagli attori Michael Segal e Alice Lussiana Parente alla presenza del Giudice d’Onore Roberto Accornero.

Ventiquattro le categorie in gara tra le quali spicca un premio speciale, lo “Stan Winston Award” per il Best Prosthetic Make-Up, primo premio al mondo dedi- cato al Premio Oscar per il make-up, Stan Winston, nato in collaborazione con Matt Winston e Erich Grey Litoff. L’evento si è concluso con un successo di partecipanti arrivati da tutto il mondo ad Aosta: Stati Uniti, Australia, Inghilterra, Cina, Slovacchia, Svezia, Romania, Francia, Svizzera, Belgio e Islanda. «Siamo davvero soddisfatti del feedback molto positivo da parte dei filmmakers che hanno preso parte all'evento e che sono stati colpiti dal livello raggiunto dal nostro gruppo di lavoro - commenta Charles E. Pellissier -. Abbiamo già iniziato a lavorare sulla seconda edizione, vorremo che l’Oniros Film Awards diventasse un festival itinerante e stiamo vagliando di spostarci da Aosta a New York o Parigi».

Tutti i premiati: Best Feature Film: The Chess Player; Best Documentary: Terra Bruciata!; Best Short Film: Caducea; Best Italian Short: The Great Journey; Best Animation: Game Changer; Best Series: The Heritage; Best Expe- rimental: Inferno; Best Musica Video: Native Spirit; Best Director: Matthew Holmes per The Legend of Ben Hall; Best Producer: Arci Jackson per En Algun Lugar; Best Actor: Michael Boston per Dress Rehe- arsal; Best Actress: Carolyn Michel per Katia; Best Supporting Actor: Michael Pugliese per Occupants; Best Supporting Actress: Camille Amilhat per Du Satin Blanc; Best Scenography: Octav; Best Cinemato- graphy: Là dove c’è troppa luce; Best Costumes: The Legend of Ben Hall; Best Visual Effects: The Old- Men; Best Editing: Feeling You; Best Soundtrack: The Hybrids Family; Best Song: The Revenge is near (from Odeon); Best Sound Design; Soul of Steel; Best Screenplay: 16/03. Premio speciale Stan Winston Award - Prosthetic: Tom Fargnier per The Dark Room. Honourable Mention per gli short film Par le Sang e Rudi, l’experimental film Unvoiced, la canzone Nei Sogni e il documentario Il Circo. Ipitch.Tv Prizes: A Red Current Pie, My Best Friend e Calm seas don’t make good Sailors.

Ecco qui sotto una fotogallery dell'evento. 

 

 

 

 

Read 1060 times Last modified on Tuesday, 02 October 2018 15:04

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Festival

  • Bergamo Film Meeting 2022 dal 26 marzo al 3 aprile: gli animatori estoni Priit e Olga Pärn protagonisti della sezione animata

La 40°edizione del Bergamo Film Meeting 2022 si svolgerà dal 26 marzo al 3 aprile: gli animatori estoni Priit e Olga Pärn saranno i protagonisti della sezione dedicata all'animazione autoriale con una personale completa in anteprima mondiale.

Read More