Festival

Tuesday, 24 September 2019 10:40

Festival della Biodiversità 2019: rassegna a tema ambiente al Mic di Milano dal 21 al 24 settembre

Written by 
Rate this item
(0 votes)

All'interno della 13° edizione del Festival della Biodiversità, entrato ormai nelle abitudini settembrine dei milanesi, il MIC - Museo Interattivo del Cinema propone una rassegna di titoli a tema ambientale ispirati ai valori e agli intenti stabiliti dall'ONU che ha proclamato il 2019 Anno Internazionale delle Lingue Indigene: tutti i film in programmazione.

Il cinema, quello più sperimentale, ha spesso tentato di raccontare attraverso le immagini lingue, popolazioni, culture in via di estinzione. La rassegna La lingua misteriosa del cinema - 8 film per raccontare un mondo perduto è un lungo percorso dalle origini della lingua, con i film Otzi – L’ultimo cacciatore (Felix Randau, 2017) e Il primo Re (Matteo Rovere) , ma è anche un viaggio nelle culture che la globalizzazione sta eliminando, come vedremo in Tanna (Bentley Dean, Martin Butler, 2015) e Apocalypto (Mel Gibson, 2006).

Infine con il documentario Stella Polaris Ulloriarsuaq (Yatri N. Niehaus, 2017) ci avviciniamo, oltre che all’idioma degli Inuit, al dramma del cambiamento climatico e la fine di una cultura, tutti segnali utili per capire quanto è importante la difesa delle lingue del mondo e della biodiversità.

Non mancherà anche una proiezione per i più piccoli con il film d’animazione I primitivi (Nick Park, 2018), che racconta le avventure di una bizzarra tribù dell’Età della Pietra  utilizzando la tecnica della stop-motion.

 

 

CALENDARIO RASSEGNA

Sabato 21 settembre

h 15.00 Otzi – L’ultimo cacciatore

Felix Randau, Germania/ Italia/Austria, 2017, 97’. Int.: Jürgen Vogel, Susanne Wuest.

Più di 5300 anni fa un uomo e il suo clan vengono attaccati. L'unico a sopravvivere è un neonato che merita vendetta.

 

h 17.00  Apocalypto

Mel Gibson, USA, 2006, 139’. Int.: Rudy Youngblood, Dalia Hernandez.

L'impero dei Maya è in declino e un popolo invasore sta distruggendo i fasti dell'antica civiltà. Un uomo, Zampa di Giaguaro, tenterà l’ardua impresa di salvare se stesso, la sua famiglia e il suo popolo.

 

Domenica 22 settembre

h 15.00 I primitivi - Early Man

Nick Park, UK/Francia, 89’, animaz.

Dug il cavernicolo vive nella foresta con la sua tribù, ancorata allo stile di vita dell'Età della pietra, finché un gruppo di guerrieri già entrati pienamente nell'Età del bronzo scaccia tutti loro nelle aride Badlands.

 

h 17.00 Stella Polaris Ulloriarsuaq

Yatri N. Niehaus, Germania/Danimarca, 2017, 86’.

Un progetto artistico sito in Groenlandia che coinvolge i media della fotografia e del cinema per raccontare una tematica oggi sempre più scottante: il surriscaldamento globale. Imponenti e silenziosi, questi monti frastagliati si ergono come simbolo del surriscaldamento globale e creano un ponte per la consapevolezza tra arte, cultura e scienza.

 

h 19.00 Tanna

Bentley Dean, Martin Butler, Australia, 2015, 104'. Int.: Mungau Dain, Marie Wawa.

Ispirato a una storia vera: nel 1987 due giovani, Wawa e Dain, si ribellarono per primi alla secolare tradizione dei matrimoni combinati a Vanuatu, nel Pacifico meridionale.

 

Martedì 24 settembre

h 17.00 Su Re

Giovanni Columbu, Italia, 2012, 80’. Int.: Fiorenzo Mattu, Pietrina Menneas.

La Passione di Gesù, raccontata attraverso passi dei quattro Vangeli, letti sinotticamente e affidati ad attori non professionisti, sullo sfondo di una Sardegna rurale e non contaminata dalla modernità.

 

h 18.00 Cibo e riti delle minoranze linguistiche storiche d’italia

Conferenza a cura di Slow Food Nord Milano 

A seguire

Visioni di Sardegna

Gavino Gabriel, Italia, 1932, 12’.

Un documentario costituito da quattro brevi filmati, una sorta di sinfonia visivo-musicale, in cui si alternano intensi primi piani, immagini di ambienti sardi e scene ricostruite appositamente per le riprese (a metà strada tra realismo e teatralizzazione), il tutto tenuto assieme dall’intreccio tra le registrazioni di musiche tradizionali e una colonna sonora orchestrata dallo stesso Gabriel.

A seguire

Degustazione Sarda e festa in terrazza

 

h 21 Il primo Re

Matteo Rovere, Italia/Belgio, 2018, 127’. Int.: Alessandro Borghi, Alessio Lapice.

Una storia senza tempo di amore, sangue e conflitto: quella dei mitici fratelli Romolo e Remo.

 

Read 269 times Last modified on Tuesday, 24 September 2019 10:50

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Festival

  • 2°edizione del Premio Ermanno Olmi 2020: come partecipare, premiazione a fine anno a Bergamo
  • Lucca Film Festival e Europa Cinema 2020: omaggio al cinema di Fellini, nuova edizione in autunno
  • SiciliAmbiente 2020 dal 4 al 8 agosto a San Vito Lo Capo: le novità della 13°edizione
  • Locarno Film Festival 2020: nasce la piattaforma Heritage Online

Torna a Bergamo il Premio Ermanno Olmi, nato per promuovere e valorizzare i cortometraggi di giovani registi italiani e stranieri, e indetto per ricordare il cineasta originario della bergamasca: ecco come partecipare.

Read More

Il Lucca Film Festival e Europa Cinema 2020 slitterà in autunno a causa dell’emergenza sanitaria internazionale, in un festival diffuso tra appuntamenti virtuali e in sala in vari luoghi della città: ecco le prime informazioni sulla kermesse toscana e il poster ufficiale dedicato a Federico Fellini.

Read More

SiciliAmbiente 2020, il festival internazionale, da sempre importante punto di riferimento per il cinema più attento alle tematiche ambientali del pianeta e ai diritti umani, rilancia la XII edizione dal 4 all’8 agosto a San Vito Lo Capo: ecco tutte le novità della prossima edizione.

Read More

In vista di “Locarno 2020 – For the Future of Films”, il festival di Locarno lancia Locarno Pro, un nuovo servizio dedicato alla valorizzazione del cinema del passato e alla sua diffusione tramite strumenti digitali: tutti i dettagli della nuova piattaforma dedicata alla kermesse svizzera.

Read More