Digitale terrestre

Friday, 03 August 2018 18:09

Tanti Auguri Robert De Niro: retrospettiva ad agosto su Studio Universal per i suoi 75 anni

Written by 
Rate this item
(1 Vote)

Studio Universal celebra il mito di Robert De Niro con una retrospettiva a lui dedicata: ecco i film in programmazione per tutto il mese di agosto, ogni venerdì in prima serata sul canale tematico di Mediaset Premium.

Intenso, inquietante e commovente, spietato e drammatico ma anche ironico e divertente. Bob De Niro è figlio del Bronx. Lui, l'italoamericano per eccellenza - il suo bisnonno era italiano - è considerato all'unanimità uno dei più grandi attori del secolo scorso e del XXI. Nel mese in cui compie 75 anni (nasce il 17 agosto 1943) Studio Universal lo festeggia con un cinque celebri film di cui è protagonista: New York, New York con Liza Minnelli, Angel Heart - Ascensore per l'inferno con Mickey Rourke, Il Padrino - Parte II con Al Pacino, Toro scatenato con Martin Scorsese e Frankenstein di Mary Shelley con Helena Bonham Carter.

3 agosto

New York, New York, 1977 di Martin Scorsese con Liza Minnelli e Robert De Niro.

Il 2 settembre 1945, mentre New York festeggia la resa del Giappone, il giovane sassofonista Jimmy Doyle adocchia, tra la folla riunita nel salone di un grande albergo, una ragazza, Francine Evans, e dopo un assiduo corteggiamento, riesce a conquistarla. Francine è un'ottima cantante, per cui sia lei che Jimmy trovano un impiego prima in un night, poi in una orchestra sempre in giro per la provincia. Quando il direttore dell'orchestra si ritira, Jimmy, che intanto ha sposato Francine, ne prende il posto. Quando alla coppia nasce un figlio, i due, invece di sentirsi più uniti, vedono aggravarsi i contrasti dovuti ai caratteri, che già cominciavano a incrinare il loro rapporto. Da quel giorno, anche le loro carriere divergono: Francine è ormai una diva, non solo della canzone ma anche del cinema, mentre Jimmy ha un lungo periodo di oscurità e la allontana da sé. Rimasto solo però, Jimmy si riprende e diventa un idolo del "jazz". Dopo qualche tempo, i due si rivedono, forse si vogliono ancora bene: ma stavolta è Francine a respingere Jimmy per sempre.

10 agosto

Angel Heart - Ascensore per l'inferno, 1987 di Alan Parker con Robert De Niro e Mickey Rourke.

Uno strano e misterioso cliente, Louis Cyphre, ingaggia Harry Angel, un investigatore privato, per ritrovare Johnny Favorite, un reduce di guerra, ex cantante di successo, dimesso in maniera truffaldina da una clinica psichiatrica nel '43 e di lì sparito nel nulla. Costui era sotto contratto con Louis Cyphre e questi non intende lasciare partite in sospeso. Angel si dà da fare, scopre varie cose interessanti, ma cade in un vortice di paura e di sangue. La dimissione dalla clinica, nella quale si credeva che lo scomparso fosse degente, fu autorizzata da un sanitario schiavo della morfina, in cambio di venticinquemila dollari.

17 agosto

Il Padrino - Parte II, 1974 di Francis Ford Coppola con Al Pacino, Robert De Niro, Diane Keaton e Robert Duvall.

Unico superstite di una famiglia sterminata da Don Ciccio a Corleone, Vito Andolini, ragazzo dalla salute malferma, raggiunge gli Stati Uniti nel 1901 dove, per un errore degli ufficiali del porto, prende il nome di Vito Corleone. Cresciuto nel mezzo delle prepotenze della Mano Nera nella "Little Italy", apprende l'arte del protezionismo e della camorra. Fonda sul crimine, sul controllo delle case da gioco e della prostituzione, un impero che trasmette al figlio Michael. Questi, nel 1958, mentre celebra la festa della comunione del figlio Anthony Vito Corleone, si trova costretto a meditare sul futuro della "famiglia mafiosa". Infatti troppi sono i segni di una disgregazione: il fratello maggiore Fred lo tradisce; alcuni rami dell'organizzazione tentano la via dell'indipendenza; il Senato lo cita davanti a una commissione speciale dalla quale si salva per miracolo; Cuba, mercato lauto di corruzione, passa dalle mani di Batista a quelle di Castro; la moglie volutamente rifiuta un suo ulteriore figlio e viene cacciata. Michael Corleone è rimasto solo nella sua grande reggia.

24 agosto

Toro scatenato,1980 di Martin Scorsese, Robert De Niro, Cathy Moriarty e Joe Pesci.

Jake La Motta, proveniente dall'ambiente italo-americano e dalla miseria, è cosciente e orgoglioso della propria forza taurina. Infatti, con il nomignolo di "Toro del Bronx", nel 1941, inizia la sua carriera trionfale nella boxe. Ribelle a qualsiasi condizionamento, rifiuta le protezioni mafiose di Tommy Comoe e famiglia; praticamente gestisce se stesso con il solo aiuto del fratello Joey nelle vesti di manager. Nel frattempo, di carattere duro e primitivo, abbandona la moglie ebrea e sposa Vickie, una ragazza che, a causa della sua bellezza, lo renderà sempre più geloso e tirannico. Le sue vittorie lo portano di diritto ad essere il candidato per la corona mondiale dei pesi medi.

31 agosto

Frankenstein di Mary Shelley, 1994 di Kenneth Branagh con Robert De Niro, Kenneth Branagh, Tom Hulce e Helena Bonham Carter 1974.

Il capitano Walton, in rotta per il Polo Nord, incontra sulla banchisa un uomo allo stremo: è Victor Frankenstein, scienziato svizzero, che gli narra la sua storia, come abbia trascorso un'infanzia felice a Ginevra, interrotta dalla perdita della madre, morta nel dare alla luce il fratellino William. Innamorato della sua sorella adottiva Elizabeth, che lo ricambia, Victor si reca a Ingolstadt alla facoltà di medicina dove fa amicizia col collega Henry Clerval e col vecchio docente Waldman, che tenta invano di dissuaderlo dall'obiettivo che lui stesso ha già sfiorato: la creazione di un essere vivente. L'assassinio di Waldman ad opera di un contadino fa sì che Frankenstein costituisca la sua "creatura" col cervello del professore e parti di cadaveri tra cui quello del suo uccisore. Il mostro che ne scaturisce provoca orrore nello scienziato, che ripudia la sua "creatura" la quale braccata dalla folla fugge nella foresta, dove si nasconde presso una fattoria. Qui impara a parlare e leggere di nascosto. Ma viene scoperto e respinto, e grazie al diario di Victor, che ha sottratto, raggiunge Ginevra ed uccide il piccolo William. Del fatto viene incolpata Justine, la figlia della governante, che viene impiccata dalla folla. La "creatura" chiede ora a Victor una compagna, ma sceglie il cadavere di Justine come materiale, e Victor rifiuta, e tenta di sottrarsi al controllo della "creatura" sposando Elizabeth, che lo ama da sempre. Ma la prima notte di nozze il mostro estirpa il cuore della donna. Victor allora la riporta in vita, ma la donna, ridotta ad una larva, e contesa tra i due uomini, si dà fuoco. Lo scienziato dà allora la caccia al mostro seguendolo verso i ghiacci del Nord, dove incontra Walton. Alla fine del suo racconto Victor muore, ed il mostro, sopraggiunto, prima lo piange, e poi si dà fuoco sulla sua pira funebre, mentre i ghiacci si rompono e la nave ritorna verso il sud.

 

Read 653 times Last modified on Friday, 03 August 2018 18:35

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di DigTV