Cinema

Thursday, 18 June 2015 18:29

Taxi Teheran, recensione: un Orso d'Oro al coraggio e alla libertà Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il regista Jafar Panahi, condannato a non girare più film e a non rilasciare interviste, si inventa un set girando in taxi per le strade di Teheran: ecco la recensione in anteprima di Cinetvlandia di Taxi Teheran, Orso d'oro all'ultima edizione del Festival di Berlino.

Cinetvlandia è anche su Facebook e Twitter

Che faccia ha un ladro? Una faccia normale. Come la mia, come la tua. E che faccia avrà un torturatore? Una faccia normale. Avrei voluto vederla la faccia di un ladro e anche quella della persona che mi ha interrogato e picchiato. Anche se era una faccia normale. Forse solo per guardarla negli occhi e capire il perché. Capire perché un regista non possa girare più film nel suo paese, né rilasciare interviste o uscirne per rappresentarlo quel paese. Capire anche che la libertà non deve mai essere data per scontata e coltivata, difesa, protetta per mantenerla tale, proprio come si cura una pianta delicata o un amore. Taxi Terhan, ultimo film di Jafar Panahi, vincitore dell'ultimo Festival di Berlino, ci porta garbatamente dentro la difficoltà di vivere liberi in un paese sotto regime. Il regista non può più effettivamente girare film in Iran, né parlare di cinema con la stampa, allora si reinventa taxista e porta dentro l'abitacolo della sua vettura le storie che normalmente ne starebbero fuori. I passeggeri che si alternano raccontano spaccati di vita, sentimenti, paure, meschinità, speranze riuscendo così a narrarci un tempo e un luogo. Il borseggiatore a favore della pena di morte si confronta con la maestra illuminata; il venditore abusivo di film stranieri sfrutta gentilmente la presenza del regista per aumentare i suoi affari; la nipote di Panahi, studentessa di cinema, spiega allo zio i canoni scolastici per girare film di regime; un amico gli racconta un'aggressione subita e il disagio di convivere con la propria coscienza. Storie, anime, umori che, in una situazione di normalità potrebbero trasformarsi in altrettanti film, ma che in questo caso formano il poetico mosaico di una storia sola. Unica. Taxi Terhan è un piccolo grande film che arriva dritto al cuore, lo accarezza e poi lo lascia solo con la speranza di continuare a battere liberamente, senza freni, senza impedimenti. Ma Taxi Terhan è anche una straordinaria testimonianza di come il cinema possa essere più grande (e libero) di ogni impedimento e, come la poesia, possa alzarsi in volo e raggiungere chiunque. Chiunque abbia voglia di ascoltare.

Read 1483 times Last modified on Tuesday, 29 September 2015 00:24

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti al Cinema

  • La mia banda suona il pop, trailer della commedia di Brizzi con De Sica e Abatantuono
  • Volevo nascondermi, Elio Germano è il pittore Ligabue: trama e trailer
  • 1917 film di Sam Mendes al cinema: prime 3 clip in italiano
  • Bloodshot, nuovo poster italiano del cinecomics con Vin Diesel

La mia banda suona il pop è il nuovo film di Fausto Brizzi con Christian De Sica, Massimo Ghini, Angela Finocchiaro, Paolo Rossi, Natasha Stefanenko e Diego Abatantuono, in arrivo al cinema prossimamente: trailer ufficiale.

Read More

Elio Germano sarà protagonista del nuovo film di Giorgio Diritti, Volevo nascondermi, biografia cinematografica sul pittore Antonio Ligabue: trama e primo trailer ufficiale.

Read More

E' appena uscito al cinema il nuovo film di Sam Mendes, 1917 (recensione) ambientato durante la Prima guerra Mondiale: prime tre clip in italiano.

Read More

Vin Diesel sarà protagonista al cinema nel 2020 con Bloodshot, dove interpreta Ray Garrison nell'adattamento cinematografico del fumetto bestseller: nuovo poster italiano.

Read More