Cinema

Thursday, 24 September 2015 01:11

Roger Waters The Wall recensione: un concerto, un viaggio, un manifesto perfetto contro la guerra Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Arriva la settimana prossima per tre giorni al cinema Roger Waters The Wall: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito la recensione di un film concerto di assoluto valore da ogni punto di vista.

Cinetvlandia è anche su Facebook e Twitter.  

Tra il 2010 e il 2013 Rogers waters compì un viaggio in giro per tutto il mondo portando con se l'affascinate spettacolo musicale e visivo di The Wall, non un semplice concerto carico d'effetti speciali e fuochi d'artificio, ma un'esperienza sensoriale che tutti quelli che l'hanno visto se lo porteranno nella memoria per tutta la vita. Concerto manifesto contro la guerra, in qualunque sua forma si sia manifestata o tuttora si presenti, The Wall è stato applaudito da tutto il mondo in maniera trasversale, senza distinzioni d'età, nazione o colore della pelle. Chiuso il sipario del tour, il musicista dei Pink Floyd ha raccolto tutto il materiale girato e ne ha fatto un film che arriverà nelle sale la settimana prossima. Non un semplice film perchè lo show tratto dall'album pietra miliare della musica è mixato e perfettamente amalgamato con un documentario interpretato da Waters stesso in giro per l'Europa, alla ricerca dei propri avi morti durante le due guerre mondiali.

Il suo viaggio on the road parte dall'Inghilterra per poi passare dalla Francia e concludersi in Italia a Montecassino, durante il tragitto l'artista fa delle importanti ed interessanti riflessioni sulla vita, la morte e la guerra che risultano emotivamente coinvolgenti e per niente scontate. Il montaggio perfetto tra lo strepitoso concerto in giro per tutto il mondo e il documentario è semplicemente unico e molto poetico, lo spettatore rimane così incollato per due ore e mezza, sbalordito per lo spettacolo musicale e per l'intimità delle sequenze girate nella vita reale con un Rogers Water che toglie i panni del musicista e indossa quelli di una persona comune, semplice in viaggio per porre un saluto ai propri parenti morti durante i due conflitti che hanno cambiato la storia dell'Europa e del mondo.

Filo conduttore di tutto questo, e non poteva essere altrimenti, è la guerra in tutta la sua brutalità e violenza di oggi e di ieri che miete vittime come un agricoltore quando coltiva il proprio campo, non guarda in faccia a nessuno e rende tutti uguali alla fine della propria, a volte brevissima, esistenza. Il film non è un semplice spettacolo su grande schermo, è una poesia cinematografica fatta con grande tatto, intelligenza e poesia, d'altronde a progettarlo è stato lo stesso Roger Waters, membro simbolo dei Pink Floyd, sinonimo di assoluta garanzia stilistica e di argomenti che non possono lasciare indifferenti nessuno.

Dopo il concerto e il viaggio in macchina per l'Europa, il film si conclude con una bellissima intervista a Roger Waters e al batterista Nick Manson rispondono a ruota libera a delle domande dei fan, sviscerando alcuni argomenti tabù sui Pink Floyd stessi, per i cultori della band sarà un momento semplicemente sensazionale.  

Roger Waters the wall è un'esperienza cinematografica da fare assolutamente, per chi vide il concerto durante il tour è l'occasione buona per fare il bis, per chi non l'ha fatto è un'occasione da non perdere per sperare in un mondo migliore. Grazie Roger.

Read 2055 times Last modified on Monday, 21 December 2015 19:59

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti al Cinema

  • Luca, nuovo film Disney Pixar: primo trailer in italiano
  • Rubrica "Raiders of the lost film": I Guerrieri della notte (1979) di Walter Hill, podcast sul film
  • Rubrica "Cinebook": Le streghe, dal romanzo di Dahl ai film di Nicolas Roeg e Robert Zemeckis

Arriverà al cinema quest'estate al cinema il nuovo film Disney Pixar che s'intitola Luca: primo trailer in italiano.

Read More

Per la rubrica "Raiders of the lost film" parliamo di I Guerrieri della notte, film di Walter Hill del 1979 che ha influenzato molto la cultura cinematografica e non solo di quei tempi: ecco qu di seguito il podcast sul film.

Read More

Per la rubrica Cinebook" parliamo di Le streghe, celebre romanzo per ragazzi di Roald Dahl che ha avuto nella storia del cinema due adattamenti, uno molto recente diretto da Robert Zemeckis e un altro nel 1990 con il titolo Chi ha paura delle streghe: ecco qui di seguito il nostro speciale podcast sul libro e sulle pellicole adattate.

Read More