Cinema

Tuesday, 02 June 2015 08:46

Mad Max fury road, recensione: Il ritorno del guerriero Miller Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Dopo trent'anni George Miller rispolvera il personaggio reso celebre da Mel Gibson e gli infonde un'energia unica e a tratti inarrivibile nel nuovo capitolo della saga Mad Max, il quarto intitolato Mad Max Fury road.

Cinetvlandia è anche su Facebook e Twitter

Cominciamo col dire che dopo la critica di Leo Ortolani al film di Miller, ogni altra parola è inutile. Poi, assolto l’omaggio a un geniaccio del fumetto, cominciamo il tributo a un altro bel cervello: George Miller. Il settantenne riccioluto regista australiano è nato e cresciuto con Mad Max: esordio nel 1979 con Interceptor e conferma due anni più tardi col capitolo secondo della saga. Nel 1985 è la volta del terzo capitolo, quello con Tina Turner nel cast. Poi il lento oblio: Le streghe di Eastwich, un pasticcio di generi, il drammatico L’Olio di Lorenzo e la deriva nel cinema per famiglia (Babe va in città e i due episodi dello stucchevole Happy Feet), come se dovesse farsi perdonare qualcosa. Oggi, il risveglio. E che risveglio! Si ritorna al personaggio che lo ha reso grande e alle atmosfere distopiche e post nucleari dell’ultimo Mad Max ma con un’energia, una vitalità, una forza visiva che hanno veramente pochi confronti con altri film del genere. Trama stringata al limite della semplice sinossi: i buoni scappano, i cattivi li inseguono e quando i primi riescono a seminarli, decidono di tornare a prendersi quello che si sono lasciati alle spalle. Tutto qui. Due ore abbondanti di azione pura, adrenalinica, anzi anfetaminica, in cui la trama va a farsi benedire e il segreto è tutto nel montaggio, nella fotografia e nei movimenti di macchina. Alla sceneggiatura il compito di creare personaggi (Immortan Joe, i Figli della Guerra, L’Imperatrice Furiosa, ma anche il chitarrista sputafuoco come polena della blindocisterne) e scene a effetto (tutte, dalla prima all’ultima). Il risultato è un potentissimo film di fanta-action in cui volendo ci si può trovare anche qualche insegnamento filosofico. Miller, così come i suoi personaggi, ha intrapreso un viaggio pericoloso, avventuroso, coraggioso alla ricerca di un nuovo futuro, forse migliore, senza rendersi conto che il futuro era a casa propria. Verità relativa, comunque. Nella vita infatti ci troviamo spesso di fronte a un Mad Max pronto a ricominciare tutto da capo e ovunque. Perché se uno non sta bene con se stesso, non potrà stare bene da nessuna parte.

Read 2193 times Last modified on Tuesday, 02 June 2015 09:07

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti al Cinema

  • Letizia Battaglia - Shooting the mafia, documentario di Kim Longinotto in arrivo al cinema a luglio: trama e trailer italiano
  • Waiting for the Barbarians con Mark Rylance e Johnny Depp in arrivo in streaming: trailer ufficiale in inglese
  • Rosamund Pike è Marie Curie in Radioactive: trama, trailer italiano e fotogallery

Letizia Battaglia - Shooting the mafia è il documentario diretto da di Kim Longinotto in arrivo al cinema a luglio: trama e trailer ufficiale in italiano.

Read More

Dopo essere stato presentato in concorso alla 76°edizione della Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia 2019, Waiting for the Barbarians del regista e sceneggiatore colombiano Ciro Guerra con protagonisti arriverà direttamente in streaming in estate: primo trailer ufficiale in inglese.

Read More

Rosamund Pike sarà Marie Curie nel film Radioactive in arrivo direttamente in streaming a luglio: trama, trailer e fotogallery del film diretto dalla fumettista Marjane Satrapi.

Read More