Cinema

Thursday, 19 November 2015 12:42

Hunger Games il canto della rivolta 2 recensione: finale volontariamente non epico e antieroismo con una splendida Lawrence Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Esce oggi al cinema Hunger Games il canto della rivolta parte 2: Cinetvlandia l'ha visto ieri sera e vi propone qui di seguito la recensione.

Cinetvlandia è anche su Facebook e Twitter.  

Il capitolo conclusivo della saga Hunger Games riparte da dove l'avevamo lasciato, ovvero con Katniss e Peeta che si incontrano nel bunker sotterraneo. Le prime scene fanno da mini riassuntino per spiegare la situazione fino a quel momento: il popolo è in rivolta, la rivoluzione è iniziata e Show è arroccato nel suo lussuosissimo palazzo a Capitol City. In poco tempo assistiamo alla preparazione del piano di attacco, una piccola troupe di soldati scelti e capitanati dalla ghianda imitatrice deve cercare di avvicinarsi a palazzo e uccidere il perfido tiranno. Ha così inizio la nuova edizione la settantasettesima edizione degli Hunger Games. Il nuovo capitolo diretto da Francis Lawrence parte cauto e non appena la spedizione ha inizio accelera in modo incredibile e avvincente portando gli eroi della rivolta e gli spettatori fino allo scontro finale, dove un colpo di scena assolutamente inaspettato svelerà tutto il "gioco" degli Hunger Games, durante i quali c'è chi nell'ombra ha tessuto una trama fino a quel momento invisibile. Il tutto accade in quasi 2 ore e 20 minuti, durante i quali non ci si annoia mai neanche per un frame, ma allo stesso tempo si ha modo di riflettere, capire e percepire l'ansia e lo stato d'animo dei personaggi, in primis quello di Katniss interpretato ancora una volta in maniera esemplare da Jennifer Lawrence.

Hunger Games il canto della rivolta parte 2 è un film d'azione che vive e si sviluppa grazie ai personaggi: scene spettacolari, sparatorie ed inseguimenti ci sono, ma quello che interessa di più al regista e alla sceneggiatura è di far entrare empaticamente i personaggi nella mente di chi sta guardando. Ci riesce molto bene ed in un modo del tutto non convenzionale, diremmo fuori dal coro per un franchise e un blockbuster di tale portata, dove i gesti eroici, spettacolari ed epici sono volontariamente messi da parte per un tono molto più umile e realistico, scelta molto rischiosa per un finale cinematografico del genere ma assolutamente vincente e convincente. Katniss è tormentata, ha chiaramente paura e sente il peso della rivolta sulle sue spalle, ma non agisce con lo stesso spirito eroico e nobile di Aragorn del Signore degli anelli (tanto per capirci), preferisce un approccio più pacato e umile, avendo però ben chiaro l'obbiettivo finale: uccide il presidente Snow.

Hunger Games il canto della rivolta parte 2 non si sviluppa solo sulle dinamiche e i pensieri dei vari protagonisti, anche se ne è assoluto fulcro, ma è ricco d'azione dall'inizio della missione fino ai cinque minuti finali dove si chiude con un epilogo molto dolce e rassicurante. Il regista sia sopra che sotto le fondamenta di Capitol City propone una regia ottima, dinamica e frenetica che ricorda per suspance quella di Ridley Scott in Alien, per vivacità quella del giovane James Cameron in Aliens. Tutto scorre alla perfezione e il coinvolgimento è garantito, i morti ci sono, sono tanti e prestigiosi perchè la guerra non guarda in faccia a nessuno. In questa battaglia frenetica sul campo che è una Capitol city devastata e apocalittica, il presidente Snow mette in atto armi e trappole truci e violente alla faccia del bon ton mainstream e del buonismo. Alcune scene danno da riflettere e portano alla memoria episodi di vita vissuta, dove non sono sempre i nemici ad uccidere i rivoltosi, ma gli stessi alleati che pur di ottenere l'obiettivo finale. Detto ciò, è gusto altrettanto dire, nel caso succeda, che l'accostamento del quarto capitolo della saga Hunger Games con i recenti fatti di Parigi non hanno alcun senso e legame, banalmente per ovvi motivi di tempistica e per il fatto che è un adattamento cinematografico di un libro pubblicato da anni.

Il film scorre alla grande, potente nel suo essere umile e anti epico, trova solo nel momento in cui Peeta si unisce alla missione una piccola falla di sceneggiatura, in quanto non è chiaro il motivo per cui il personaggio di Josh Hutcherson si debba unire a Katniss, se fino a pochi momenti prima la voleva uccidere. Ottimo anche il cast attorno a Jennifer Lawrence e gli effetti speciali e scenografici, molto realistici e in linea con il taglio del regista Francis Lawrence. Grande finale di saga.

voto: 8

Read 1842 times Last modified on Monday, 21 December 2015 18:53

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti al Cinema

  • Downton Abbey uscita cinema: prima clip in italiano
  • Countdown, horror d'esordio di Justin Dec: trama e trailer in italiano
  • Peter Rabbit 2 al cinema nel 2020: trama, teaser trailer in italiano e poster
  • Lucca Comics & Games 2019: tutti gli appuntamenti dell'Area Movie, day by day

Downton Abbey, film diretto da Michael Engler, basato sulla popolarissima serie TV britannica ambientata all'inizio del XX secolo nello Yorkshire, arriva questa settimana nei cinema: ecco la prima clip in italiano.

Read More

 

 

 

Arriverà a novembre l'opera prima Countdown di Justin Dec: trama e primo trailer in italiano.

Read More

 

 

 

Arriverà nel 2020 il sequel di Peter Rabbit, intitolato Peter Rabbit 2 un birbante in fuga: trama, teaser Trailer e poster italiani.

Read More

La nuova edizione del Lucca Comics & Games 2019 è ormai alle porte e si svolgerà nel capoluogo toscano dal 30 ottobre al 3 novembre: ecco tutti gli appuntamenti, incontri e proiezioni dell'Area Movie.

Read More