Cinema

Monday, 22 December 2014 14:38

Big Eyes film recensione: Tim Burton dirige Christoph Waltz e Amy Adams in una commedia drammatica leggera e convincente Featured

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Big eyes sarà il nuovo film di Tim Burton con Christoph Waltz e Amy Adams: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima, ecco qui di seguito la recensione della pellicola che potrebbe segnare l'inizio di una nuova carriera del regista americano.

Cinetvlandia è anche su Facebook e Twitter.

Tim Burton lo conosciamo e amiamo tutti e sappiamo bene quanto la sua filmografia sia segnata dal genere fantastico/fantasy. In questa nuova opera cinematografica, però, il regista americano cambia totalmente direzione e con coraggio e anche qualche rischio si cimenta in un film atipico per le sue corde. Il risultato è convincente anche se non strepitoso ma è da lodare come il filmmaker abbia voluto sperimentare una nuovo genere cinematografico e ne sia uscito con successo. Big eyes è una biopic sulla pittrice Margaret Keane, artista diventata famosa per i suoi quadri con protagonisti dei bambini con grandi occhi tra gli anni'60 e '70. Proprio tale successo inaspettato viene sfruttato per un torna conto personale dal marito, anch'egli pittore ma di assoluta irrilevanza, il quale sfrutta l'omonimia del cognome e la sua esperienza nel vendersi per appropriarsi della paternità delle opere. Quello che per Margaret sembrava una bella storia d'amore romantica si trasforma fin da subito nel suo peggior incubo. La timidezza che la caratterizza e il fatto che nessuna donna fino ad allora era mai diventata una grande artista spiano la strada al marito sfruttatore, fino al giorno del processo durante il quale la Keane fa conoscere al mondo intero la verità.

Tim Burton, senza particolari espedienti tecnici e cinematografici, dirige la pellicola come una commedia, a volte tinta di drammaticità senza però calcare troppo la mano. La pellicola non si lascia andare a visioni fantastiche o immagini spettacolare come si potrebbe pensare da un regista di tal fatta, ma preferisce rimanere legata alla realtà al fine di raccontare con garbo e leggerezza una storia del genere. Il film è giocato essenzialmente sui due attori protagonisti, Christoph Waltz e Amy Adams, entrambi azzeccati nella parte soprattutto la Adams che riesce a trasmettere con efficacia il dramma interiore che ha vissuto la protagonista della vicenda. Ottima è anche la ricostruzione storica di quei tempi a partire dagli anni'50 fino agli anni'70.

Immancabile il contributo alla colonna sonora del compositore Denny Elfman, l'unico "superstite" della squadra artistica e professionale che ha accompagnato per una vita il regista americano. Big Eyes è una pellicola riuscita ed interessante da vedere che non fa assolutamente gridare al capolavoro ma che dimostra come Tim Burton possa esplorare una nuova strada stilistica senza fare ricorso al passato già colmo di successi ed identità. Che si l'inizio di una nuova carriera? Speriamo, intanto buona la prima.

Il film sarà nelle sale italiane a partire dal 1 gennaio 2015.

Voto: 7

Read 1920 times Last modified on Saturday, 03 January 2015 19:16

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti al Cinema