Recensioni

Tuesday, 13 February 2018 12:29

Black Panther, recensione del cinecomics Marvel ambientato in Wakanda

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Esce questa settimana al cinema Black Panther, nuovo cinecomics dei Marvel Studios interamente dedicato al personaggio dei fumetti: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito la recensione.

Era da un po' di tempo che lo stato del Wakanda veniva nominato nei cinecomics Marvel: l'abbiamo visto per la prima volta in Avengers age of Ultron e avevamo conosciuto Pantera Nera nel film Captain America Civil war. Adesso la nazione fittizia situata nel cuore dell'Africa è protagonista di una pellicola tutta sua, incentrata sul suo mondo, la sua tecnologia, i suoi protagonisti e soprattutto su Black Panther. T'challa (Chadwick Boseman) è alle prese con un eredità impegnativa e difficile da supportare, dopo la morte del padre Re di Wakanda narrata in civil war. Il suo è un ritorno a casa, atteso ma non facile, perchè il paese è diviso socialmente e politicamente e al suo interno ci sono rivalità da colmare, anche all'interno della stessa famiglia di T'Challa. Black Panther è un film che mette al centro l'eredità regale e le contese per il potere, partendo prima di tutto con un didascalico ma chiaro flashback sulle origine della nazione e i poteri divini legati a Pantera Nera. Dopo una convenzionale introduzione, la pellicola parte a raccontare la propria storia dagli anni'90 per poi giungere nel presente, nei giorni successivi a quelli di Captain America Civil War dove si svolge l'intera storia. Il giovane re T'challa se la dovrà vedere con due antagonisti, uno di sangue e l'altro già noto al pubblico dei cinecomics Marvel, e dovrà scoprire sulla propria pelle quanto è difficile essere re, in primis a sé stesso e poi a tutto il Wakanda.

Black Panther di Ryan Coogler, regista di Creed spin-off della saga Rocky, è un film che ha diversi problemi e che nella sua lunghissima durata,quasi due ore e 20 minuti, trova una delle sue lacune più marcate, soprattutto per la mancanza di ritmo. La pellicola è un film d'origine non particolarmente ispirata e con pochi momenti memorabili, sia visivamente che narrativamente. La contesa del trono era si un argomento su cui sviluppare una storia sulla carta interessante ma tutto viene appiattito e reso monotono sia nella sceneggiatura che nell'interpretazione dei protagonisti, a partire dallo stesso Chadwick Boseman che aveva sorpreso molto positivamente in Captain America: civil war. L'attore non riesce a dare autorità, carisma e regalità al suo personaggio nel nuovo ruolo di re e, oltre a risultare poco credibile anche agli occhi dei propri familiari, viene spesso messo a margine dai personaggi antagonisti e comprimari come Michael B. Jordan, Martin Freeman e Andy Serkis. Ciò che ne deriva è un film che non ha mordente e non incide, tutto scorre in modo monotono e poco coinvolgente, anche nelle scene d'azione o nell'inevitabile scontro finale che vorrebbe essere una battaglia epica alla Signore degli anelli ma ne esce fuori come una pallida e sciapa imitazione. Oltre ad una regia non particolarmente degna di nota, dove il film colpisce maggiormente in maniera negativa è l'aspetto visivo e gli effetti della CGI, fino ad oggi uno degli elementi più affascinanti dei Marvel Studios. Gli errori sono notevoli e a volte macroscopici, soprattutto nei campi lungi e nelle scene di massa, sia sulle cascate dove i capi tribù si sfidano, sia nel finale. Oltre al discorso sull'eredità, il film, a tratti, semina qualche spunto interessante di riflessione che avrebbe dovuto avere un maggior sviluppo e significato nella storia: si parla di integrazione razziale, il ruolo in politica estera di Wakanda nel mondo, argomenti attualissimi che vengono solo accennati e per nulla inseriti nel contesto e ciò è, tra gli altri, un vero peccato.

Black Panther è così un film che non osa mai, didascalica, prevedibile, a tratti anche un po' noioso nel raccontare la storia di un popolo e di un personaggio che meritavano molto di più. Una pellicola che non graffia, anonima e che si dimenticherà preso ma poco importa tanto sta per arrivare Thanos con Avengers: Infinity war.  

Voto: 5

Read 364 times Last modified on Sunday, 18 February 2018 11:33

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Recensioni

  • Abracadabra, recensione della nuova commedia di Pablo Berger
  • L'ora più buia, video recensione Blu-Ray del dramma biopic su Churchill con Gary Oldman
  • Deadpool 2, podcast recensione del cinecomics con Ryan Reynolds e Josh Brolin
  • Dogman, recensione del nuovo film di Garrone presentato in concorso al Festival di Cannes 2018

E' appena uscito al cinema Abracadabra, nuova commedia di Pablo Berger: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito la recensione.

Read More

L'ora più buia (recensione e podcast recensione) è l'ultimo film di Joe Wright con Gary Oldman, vincitore dell'oscar come miglior attore, Kristin Scott Thomas e Lily James appena uscito in home video: ecco la nostra video recensione del blu-Ray e dei contenuti speciali.

Read More

Arriva questa settimana nei cinema di tutto il mondo l'atteso cinecomics Deadpool 2 (speciale i film più attesi del mese) con Ryan Reynolds e Josh Brolin, secondo film dedicato al personaggio dell'universo X-Men prodotto dalla 20th century Fox: Cinetvlandia l'ha visto in anteprima e vi propone qui di seguito il podcast recensione senza spoiler.

Read More

E' stato presentato in concorso al Festival di Cannes 2018 il nuovo film di Matteo Garrone, Dogman: Cinetvlandia l'ha visto e vi propone qui di seguito la recensione.

Read More