Festival

Wednesday, 27 July 2016 11:14

MYllennium Award 2016: tutti i vincitori della 2°edizione svoltasi a Villa Medici di Roma

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Sono stati 28 i premiati, giovani under 30, in occasione della 2° edizione del MYllennium Award 2016, il contest la cui cerimonia si è tenuta a Villa Medici di Roma nei giorni scorsi, promosso dal Gruppo Barletta in memoria del suo fondatore, Raffaele Barletta. Ecco i vincitori nelle varie categorie.

Tra i presenti anche Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio; Matteo Garrone, regista e presidente di giuria; Anna Safroncik, attrice e presentatrice della serata insieme al giornalista Gerardo Greco.

La sezione “My Start Up” è stata vinta da Andale, aggregatore di car, scooter e bike sharing di tutte le città italiane e Cubbit, un device che trasforma i tuoi hard disk esterni nel cloud più innovativo, sicuro e veloce di sempre, semplicemente collegandoli a un router. Entrambi hanno vinto un premio in denaro di 10mila euro ciascuno e la partecipazione ad un tour a Boston nell'ambito del programma Boston Innovation Gateway. La giuria che decretato i vincitori era composta da Paolo Barberis, consigliere per l’Innovazione del Presidente del Consiglio dei Ministri; Riccardo Luna, direttore CheFuturo! e Digital Champion per il Governo italiano; Laura Mirabella, Managing Director uFirst; Riccardo Pozzoli, CEO The Blonde Salad-Chiara Ferragni e Luca La Mesa, Docente Social Media & Innovazione Chapter Ambassador SingularityU Rome.

Per la sezione MyJob, dai settori della moda a quello industriale, bancario e finanziario, i vincitori che si sono aggiudicati master all’università e stage in aziende, sono: Leonardo Agostini, Erika Belli, Roberto Colucci, Ilaria Grande, Francesca Lucia Gaglione e Clarissa Riboldi (per i master) e Giulia Bassano Fossati; Claudia Costantini; Martina La Via; Valentina Biondi; Maria Lucia Iannantuono; Cristina Gessica Gaudino; Costanza Tiriduzzi e Migert Hate (per lo stage). I vincitori potranno effettuare uno stage presso le aziende che hanno offerto questa ambita possibilità, creando di fatto opportunità concrete di tipo professionale e formativo. Le aziende che offrono stage per i vincitori sono: Carter & Benson, Cloetta, Coca Cola, Danone, Electra Italia, Chiara Ferragni, Tod's, L'Oréal, Pirelli, LabLaw, Sanofi, Lavazza, Fontana Galli e Associati. Nella sezione master i vincitori si sono aggiudicati corsi in Retail Management e Food & Wine, International Management ed Energy Management, presso Università Bocconi di Milano, LUISS Guido Carli di Roma e Bologna Business School. La giuria della sezione MyJob è composta da Francesca Golfetto, professore ordinario di Management Università Bocconi, Matteo Giuliano Caroli, professore ordinario di Gestione delle imprese internazionali e direttore del Centro di ricerche internazionali sull'innovazione sociale, LUISS Guido Carli, Max Bergami, Dean Bologna Business School, Patrizia Fontana, partner Carter & Benson, Alex Giordano, direttore Centro Studi Etnografia Digitale, Alberto Luna, partner IXL-Center, COO StartupItalia, Co-organizer Maker Faire Europe Edition, Antonio De Napoli, presidente Associazione ItaliaCamp, Mauro Loy, Marketing Manager Methos, Francesco Tufarelli, direttore generale Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Si sono aggiudicati la sezione My Reportage, quest'anno tutta al femminile, Maria Teresa Squillaci; Silvy Boccaletti; Maria Teresa Santaguida e Alessia Benelli con video inchieste sul turismo in Italia. I giurati della sezione My Reportage sono Barbara Carfagna, giornalista Tg1, Federico Garimberti, Head of Media Relations Alitalia, Stella Pende, giornalista Mediaset, Paola Saluzzi, giornalista Sky, Nicola Barone, giornalista Il Sole 24 Ore. La sezione MyBook, che ha visto in finale 15 millennials, divisa in tre categorie, Geopolitica e Integrazione, Innovazione e Futuro e le Storie di Successo delle Best Practices, è stata vinta da Luigi Capasso; Elena Caterina; Dariush Rahiminia; Luca Gorini; Domenico Di Maura; Maria Giuliana Del Prete; Maria Pia Di Nonno e Maria Flavia Vecchio. La giuria è composta da Alessandro Politi, analista strategico e direttore Nato Defense College Foundation, Alberto Mattiacci, professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese Sapienza Università di Roma, presidente Società Italiana Marketing, direttore Scientifico Eurispes, Lucia Serena Rossi, professore ordinario di Diritto dell’Unione europea Università degli Studi di Bologna, Saverio Sticchi Damiani, professore associato di Diritto amministrativo Università del Salento, Giuseppe Coppola, notaio, Francesco Tufarelli, direttore generale Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Il giovane architetto Claudia De Antoniis si è aggiudicato il primo premio della sezione MyCity che ha vinto il finanziamento per la realizzazione di un progetto di arredo urbano del centro storico di Poggio Mirteto, in provincia di Rieti. La giuria della sezione MyCity è composta dall'architetto e urbanista Daniel Modigliani, Giancarlo Micarelli, sindaco del Comune di Poggio Mirteto e monsignor Ernesto Mandara, Vescovo della Diocesi Suburbicaria di Sabina-Poggio Mirteto. Per la sezione MyFrame, novità di questa edizione, per il miglior cortometraggio a tema “My Generation! I Millennials“, il Comitato tecnico-scientifico ha ritenuto di non assegnare il Premio, in quanto nessuno dei lavori candidati era in linea con i requisiti necessari.

Il contest Myllennium Award, laboratorio permanente per la valorizzazione concreta del talento di una generazione dedicato ai Millennials, è nato con l’obiettivo di valorizzare le eccellenze dei giovani nati tra gli anni Ottanta e i primi anni Duemila offrendo loro interessanti opportunità professionali e formative.

Read 981 times Last modified on Wednesday, 27 July 2016 11:42

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI CINETVLANDIA

I più letti di Festival

  • Noir in Festival 2018 a Milano e Como: tutti i vincitori della 28°edizione
  • Bergamo Film Meeting 2019: retrospettiva su Jean-Pierre Léaud, attore simbolo della Nouvelle Vague
  • Trieste Film Festival 2019 dal 18 al 25 gennaio per ricordare i 30 anni dal crollo del muro di Berlino

Si è concluso ier sera la 28°edizione del Noir in Festival 2018 che ha portato a Milano e Como il meglio del genere dal cinema alla televisione, fino alla letteratura e alla cronaca: tutti i vincitori e i premi assegnati.

Read More

Protagonista della retrospettiva della 37°edizione di Bergamo Film Meeting 2019 sarà Jean-Pierre Léaud, attore simbolo della Nouvelle Vague francese, non solo icona e alter ego di François Truffaut, ma interprete privilegiato del cinema europeo d’autore a partire dalla fine degli anni ‘50, da Godard a Pasolini, da Assayas a Kaurismäki.

Read More

In programma dal 18 al 25 gennaio prossimi, il Trieste Film Festival 2019 è pronto a celebrare un doppio, felice anniversario: la 30°edizione di un appuntamento che è da sempre un ponte che mette in contatto le diverse "longitudini" dell'Europa del cinema, e i 30 anni dal crollo del Muro di Berlino.

Read More